Il Contro-Sanremo continua. Sul palco sale Eman

Il Contro-Sanremo continua. Sul palco sale Eman

La presentazione:

Vi segnalo un cantautore catanzarese, EMAN, pregandoVi di ascoltare questa canzone e sperando vogliate poi, sentire anche le altre che trovate sotto l’etichetta “KuanShot Records“. Di seguito il testo della canzone, con un paio di righe in dialetto catanzarese, ma comprensibili. Vi ringrazio per l’attenzione che vorrete concedere.

Eman – Il Bel Paese

 https://www.youtube.com/embed/m3YZKrwR2cM/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Testo:

l prezzo del tuo onore prima o poi si dimezza
maneggi una pistola che prima o poi ti esplode in faccia
popolo stremato misura la tua ricchezza
quando sarà affamato, vedrai che scoppia
 
Legiferare solo per la tua sicurezza
di te, dei tuoi amici, dei vostri segreti in banca
arricchirsi con le strade piene di mondezza
‘u giustu è appestatu, ‘u mmerda campa
 
Nelle mie strade ci son demoni
che riescono ad entrare anche in chiesa, essere santi e aprire circoli
nelle mie strade ci son circoli dove ci si gioca d’azzardo
e tirano dadi gobbi e demoni

In questo Stato ci son regole
chi arriva stanco e affamato su barche, qui oltrepassa i limiti
uno Stato di morale e di valori etici
dove un bugiardo razzista sarà il primo tra i politici
 
Se apri gli occhi vedi un filo che collega
Bologna nell’80, Aldo Moro e Salvo Lima
vedi gli occhi di Peppino Impastato che ci spera
e muore ammazzato da suicida ancora prima
 
Vedi una mafia che è collusa al sistema
che ricicla in palazzi crollati, i sordi d’a cocaina
riesci a vedere una schiena che si piega
pensi di essere civile, sembri la Cina.
 
Io rappresento i più deboli
quelli che muoiono per primi, ma nei tg son sempre gli ultimi
quelli col costo degli inutili
obbligati ad una vita da umili e che non pesano sugli utili

Tu rappresenti i falsi ipocriti
quelli che dispensano sorrisi come poi disperdon acidi
in questa merda si, tu che sai muoverti
come in discesa libera tra prestanome e illeciti
 
E poi giorno per giorno la storia cambia 
la gente cieca cerca al bugiardo la via d’uscita
come Ilaria trovava verità e non tornava
Natale che la strada indovinava e il cuore si smarriva
  
Come Paolo su paura ci sputava
hanno deciso di farlo saltare in aria prima
perchè non era questo che serviva all’Italia
ma un politico corrotto e una velina

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter