“La mia Sicilia? Neanche sfiorata dal sospetto”. Così parlò Raffaele Lombardo

“La mia Sicilia? Neanche sfiorata dal sospetto”. Così parlò Raffaele Lombardo

«Il nostro governo, a differenza di altri, non è neppure sfiorato da un sospetto. Non si sono compiuti atti che possono essere sospettati di interesse di parte più o meno illecito. E questo a onore e vanto della Sicilia, mentre in altre Regioni governi sono ben più che sfiorati da sospetti». Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo,  davanti all’Assemblea regionale, da poche settimane indagato per concorso esterno in associazione mafiosa.