Rutelli cala la maschera: «Non potevamo rischiare di dare la maggioranza a Grillo»

Rutelli cala la maschera: «Non potevamo rischiare di dare la maggioranza a Grillo»

«Una soglia significativa è la condizione base per evitare avventure. In Sicilia il primo partito è stato quello di Grillo e la prima coalizione quella di centrosinistra. Occorre una soglia alta per avere un premio di maggioranza per governare altrimenti il rischio è che il primo partito che ottiene il premio è Grillo. Ed è un rischio molto alto». Lo dice il leader dell’Api Francesco Rutelli dopo che la commissione Affari costituzionali del Senato ha approvato l’emendamento sulla soglia al 42,5% per il premio di maggioranza. «Qui si tratta – aggiunge – di mettere a punto un sistema che consenta a una coalizione di governare, altrimenti diventa una legge truffa. O c’è una maggioranza coerente e adeguata che ottiene il premio per il governo oppure è bene redistribuire il premio in modo che sia il parlamento a formare la coalizione che sceglie il premier anziché affidare il tutto a un terno al lotto». Secondo il leader dell’Api «non si può dare il 55 per cento» dei seggi «a chi prende il 30 per cento» dei voti, «sennò lo prende Grillo».

Francesco Rutelli è da elogiare per la sua sincerità che trasuda dal testo dell’agenzia Ansa. Ecco spiegato perché, stavolta in poche ore, hanno modificato la legge elettorale.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta