Grillo che attacca Rodotà sembra Silvio Berlusconi

Rodotà è passato da «bambino» a «ottuagenario miracolato dalla rete»

Ma che affidabilità può avere uno come Beppe Grillo? Che affidabilità può avere un partito come il Movimento Cinque Stelle che non mantiene nemmeno un’idea fissa su chi vuole candidare alla presidenza della Repubblica? Che affidabilità può avere un leader politico che non accetta critiche, sprezzante contro tutto e tutti quasi fosse Silvio Berlusconi? Perché a queste frecciate ci ha abituati in questi anni proprio l’ex presidente del Consiglio.

Le ultime parole partite dal blog del comico genovese contro Stefano Rodotà «ottuagenario miracolato dalla rete» mettono (quasi) una pietra tombale sulle certezze politiche dei grillini. Due mesi fa Grillo descriveva il professore di diritto come un «bambino». Due mesi fa Grillo ricordava che «la Gabanelli» era una delle migliori giornaliste in l’Italia. L’ultima è stata quasi querelata, l’altro è stato silurato sempre via blog, senza neppure mettere nome e cognome. Ma, realisticamente, Pier Luigi Bersani, come poteva pensare di fare un governo con i grillini? 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta