Intesa fuori da Rcs? Cucchiani, ti prendiamo in parola

Il riassetto dell’editore del Corriere della Sera

A margine dell’assise di Confindustria il consigliere delegato di Intesa Sanpaolo, Enrico Cucchiani, ha spiegato qual è la sua posizione su Rcs, la società editrice del Corriere della Sera impegnata in una complicata ristrutturazione per evitare di portare i libri in tribunale. «Per quel che ci riguarda, sono sempre stato un ammiratore di Guido Carli e una delle sue massime era che le banche non devono occuparsi di editoria», ha detto il top manager. Una svolta inaspettata, visto che proprio Intesa, assieme a Fiat, è da tempo membro molto influente del patto di sindacato di Rcs oltre che disponibile a rilevare le quote degli altri pattisti che non sottoscriveranno l’aumento di capitale. «La nostra è una funzione momentanea di grande rilevanza per aiutare questo gruppo, dopodiché Rcs dovrà trovare la strada più adatta per la crescita e lo sviluppo», ha detto ancora Cucchiani. Stupiti non poco da questa franchezza, ci limitiamo a scrivere tali dichiarazioni nel nostro taccuino, prendendolo in parola. Ci chiediamo soltanto se l’altro big della banca, Giovanni Bazoli, sia d’accordo con lui. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta