M5s, non lamentatevi con il Pd ma rispondete a Report

Il Pd presenta al Senato un ddl stringente che potrebbe far fuori il M5s dalla politica

Succede che al Senato il Pd presenta un ddl per riformare i partiti e arrivare a una piena applicazione dell’articolo 49 della Costituzione. La proposta vuole stabilire, spiegano i proponenti  (fra i primi firmatari ci sono Luigi Zanda e  Anna Finocchiaro), che «i contenuti minimi dello statuto, alcuni principi generali, ai quali dovranno attenersi tutti i partiti che intendono concorrere alla determinazione della vita politica, pena la perdita dei rimborsi per le spese elettorali o di ogni ulteriore eventuale forma di finanziamento pubblico».  

È una proposta che ha subito scatenato il web perché sembrerebbe disegnata su misura per escludere M5s dalle prossime elezioni politiche. Immediata la replica del deputato Cinque Stelle Roberto Fico: «Cose da Partito Democratico. Anna Finocchiaro invece di discutere dell’ineleggibilita’ di Silvio Berlusconi, magari stabilendo una linea dura e una battaglia senza precedenti nella giunta delle elezioni preferisce presentare un disegno di legge anti-movimenti al fine di attaccare il movimento cinque stelle. Complimenti vivi alla senatrice della Repubblica!». Si potrebbe anche essere d’accordo con le parole di Fico, ma in realtà Beppe Grillo e il M5s dovrebbero prima rispondere alle questioni poste ieri a Report da Milena Gabanelli. Quali sono i conti del M5s? Perché non sono online?

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter