Mele torna in politica dopo lo scandalo escort. Allora?

Candidato sindaco nel suo paese, è al ballottaggio

Cosimo Mele torna in politica. Nel 2007 l’allora deputato dell’Udc era finito al centro delle polemiche, protagonista di uno dei più discussi scandali degli ultimi anni. Coinvolto in una serata a base di escort e cocaina in un noto albergo romano, era stato costretto a dimettersi dal partito. Anni di oblio. Adesso l’esponente politico torna in pubblico. Si è candidato a sindaco nel comune di Carovigno, vicino Brindisi. E gli elettori sembrano averlo perdonato. Superata la concorrenza del centrosinistra, alla guida di alcune liste civiche Mele è arrivato al ballottaggio. Al primo turno ha conquistato il 35 per cento dei voti, tra due settimane sfiderà l’esponente di centrodestra per la poltrona di primo cittadino. Dalle escort ai comizi, titola ironico qualche giornale. La riflessione non è banale. Cosimo Mele doveva ritirarsi a vita privata oppure, scontate le proprie colpe, ha tutto il diritto di candidarsi? La vicenda si presta al dibattito. Per qualcuno la politica ha definitivamente smarrito il limite della decenza. Ma forse a chi sbaglia non dovrebbe essere sempre garantita una seconda possibilità?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta