Se D&G comprano paginate al posto di farsi intervistare

La protesta contro il Comune di Milano

Sul Corriere e su Repubblica gli stilisti Stefano Dolce e Domenico Gabbana spiegano in una doppia paginata firmata da loro e dagli avvocati Dinoia, Taglioretti e Sibari i motivi tecnici della serrata di tre giorni per protesta nei confronti del Comune di Milano. Una boccata d’ossigeno per le casse dei due principali quotidiani italiani, ma a nostro giudizio un modus operandi piuttosto arrogante. Tutto è partito, ricordiamo, quando l’assessore al Commercio della giunta Pisapia Franco D’Alfonso, si era detto contrario alla assegnazione di nuovi spazi a coloro che non rispettano le regole ed evadono il fisco. Ora, senza entrare nel dettaglio delle questioni fiscali sollevate dai due stilisti e dai loro avvocati, non possiamo non notare la protervia con cui trattano la stampa (italiana) D&G. Certo, una certa insofferenza nei confronti dei giornalisti l’hanno sempre mostrata – ricordate le minacce di togliere la pubblicità al Sole dopo la stroncatura del loro ristorante milanese firmata da Camilla Baresani? – ma la totale assenza di contraddittorio non aiuta certo a fare un buon servizio al lettore. A capire il perchè di un gesto così estremo e le loro ragioni su tasse ed evasione. Insomma sarebbe stato più utile ai milanesi e molto meno costoso (non che sia un problema per loro), accettare di farsi intervistare…

La doppia pagina apparsa oggi su Corriere e Repubblica (clicca sulla foto per ingrandire)

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta