“Tutta colpa dei burocrati”, e Silvio scagiona Alfano

Riforme mancate e pasticci kazaki

Ma quale Alfano: secondo Berlusconi la colpa della faccenda kazaka è tutta «della burocrazia. Ha deciso di poter fare da sola, muovendosi in piena autonomia e con l’avallo di quattro, dicasi quattro, magistrati», ha detto al Corriere. Del resto, si sa: i politici vanno e vengono, i burocrati restano. «Lo dicono anche loro: “è arrivato un nuovo ministro? Tanto tra poco andrà via e gli subentrerà un altro. Noi restiamo sempre qui. Siamo noi a comandare”» ha aggiunto Berlusconi. Ed è vero: la macchina statale è un animale farraginoso, un capoufficio può avere più potere di un ministro, la mole di carte e protocolli può sommergere l’azione di un politico. Però è anche vero che da vent’anni (dal 1994, per la precisione) c’è qualcuno al potere in modo più o meno continuativo che promette di abbattere tutte le burocrazie, di snellire le procedure, di dimagrire l’apparato. Si deduce che la cosa non gli sia proprio riuscita, allora, se ancora oggi (nel 2013, per la precisione) lo stesso qualcuno (per salvare il suo ministro) riesce ancora a dare la colpa ai burocrati.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta