Guarda che scoperta: le nomine di Mps le decideva il Pd

L’inchiesta della magistratura

Ma guarda un po’. Dalle carte della grande indagine su Mps si scopre che, come recita il Corriere di oggi, «La nomina dei manager e le scelte strategiche per la gestione del Monte dei Paschi di Siena hanno sempre avuto l’avallo dei Ds prima e del Pd poi». Ma va? Tra questi c’è l’ex sindaco di Siena Franco Ceccuzzi, che «non nega una vera e propria spartizione» dei vertici e delle cariche. Chi l’avrebbe mai detto. Insomma, se il risultato di tutto questo can can su Mps è raccontarci la scoperta dell’acqua calda, verrebbe davvero da chiedersi perché hanno mobilitato tutta la macchina della magistratuta, quando bastava chiederlo all’uomo della strada, che lo sapeva già, e forse anche meglio.