Cosa non si fa pur di non tagliare la spesa

Italia di nuovo sotto osservazione

Destino crudele e meschino, quello del contribuente italiano. Neanche il tempo di festeggiare l’uscita dalla procedura di deficit eccessivo che siamo nuovamente ripiombati nel baratro. A fine anno il deficit/Pil sforerà il tetto del 3% imposto dal Fiscal compact europeo, assestandosi al 3,1%, secondo l’aggiornamento al Documento di economia e finanza. Per evitare di tornare un osservato speciale l’esecutivo deve racimolare in fretta 5 miliardi di euro, che servono a coprire quello 0,1 per cento. E guarda caso, li pescherà dalle tasche dei cittadini. Hai voglia a dire che la manovra sarà “light”. Per annullare la seconda rata dell’Imu l’Europa chiede entrate certe, che probabilmente arriveranno dalle addizionali Ires e Irap. Per vendere o privatizzare pezzetti di partecipate – o il patrimonio pubblico – e non svenderle, serve tempo. Ammesso di trovare compratori. Soluzioni? Tagliare la spesa. Come? Diminuire il numero dei parlamentari, regolare gli acquisti da parte della Pa, etc. Peccato che non se ne parli. Almeno su un punto c’è larga intesa: paga sempre pantalone. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta