Se non sei Sallusti, vai in galera nell’indifferenza

Giornalismo di serie B

Francesco Gangemi è un giornalista di serie B. Direttore responsabile del mensile calabrese “Dibattito News”, è stato condannato e condotto in carcere per diffamazione a mezzo stampa e falsa testimonianza (davanti al giudice si è rifiutato di rivelare le fonti fiduciarie delle sue notizie). È stato arrestato a 79 anni – due più di Silvio Berlusconi per capirci. Eppure in pochi ne parlano. Quando un anno fa una vicenda simile interessò il direttore del Giornale Alessandro Sallusti, il Paese si fermò. E meno male. Petizioni pubbliche, interventi parlamentari, richieste di grazia rivolte al Quirinale. Alla fine proprio il Colle decise di intervenire per commutare la pena al giornalista milanese. Una scelta sacrosanta, peraltro. Forse non è il caso di riaprire il dibattito sul pluralismo delle idee, mai così attuale. Ma certo l’indifferenza che sta accompagnando l’arresto di Gangemi – fa eccezione tra i pochi il quotidiano di Sallusti – fa riflettere. Dove sono finiti i giornalisti italiani che un anno fa erano pronti a scendere in piazza per difendere la libertà di espressione?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta