Rassegna stampa seralePressnews, i fatti di venerdì 14 marzo

Rassegna stampa estera

Il meglio dei giornali stranieri sui fatti di oggi nel mondo

  venerdì 14 marzo

UCRAINA

Nervi tesi, nessuna soluzione sulla Crimea

A due giorni dal referendum sull’indipendenza della Crimea e sua possibile annessione alla Russia, il segretario di Stato Usa John Kerry tenta un nuovo colloquio (il terzo dall’inizio dell crisi) con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Ma Mosca non è disposta a fare passi indietro. “Rispetteremo i risultati del referendum di domenica”, dichiara Lavrov nella conferenza stampa. “I Paesi occidentali dovranno accettare il volere della popolazione”. Kerry, ribadisce: “Nessuna intenzione di interferire nei legittimi interessi di Putin in Ucraina, ma si rispetti il diritto internazionale e l’integrità territoriale dell’Ucraina”. E ancora: “Se Putin ratificherà i risultati del referendum di domenica, la comunità internazionale prenderà provvedimenti” Al Jazeera. Poi una proposta di Kerry: “Putin accolga l’eventuale sì della Crimea all’indipendenza chiedendo per la penisola più autonomia da Kiev. Ma senza annessione a Mosca”. E ribadisce: “Putin non ha ancora preso una decisione” Reuters

“Proteggeremo i compatrioti ucraini”

Lavrov nega nella conferenza stampa l’intenzione per Mosca di invadere l’Ucraina dell’Est, ma precedentemente, in tarda mattinata, una nota del ministero degli Esteri fa sapere che il Cremlino considera Mosca responsabile delle violenze avvenute ieri nella cittadina di Donetsk (Est Ucraina) e rivendica il «diritto» per la Russia di «proteggere i suoi compatrioti in Ucraina» Guardian

Censura russa

La censura del Cremlino si abbatte intanto su numerosi blog e testate popolari. Licenziata la caporedattrice del popolare quotidiano online Lenta.ru e chiusi numerosi blog Guardian

Putin agisce, l’Occidente parla Wall Street Journal

EGITTO

Scoppiano le proteste in Egitto dei pro-morsi, e migliaia si radunano nelle strade del Cairo e di altre città nel giorno in cui l’unico candidato – per ora – alle elezioni presidenziali, Hamdeen Sabahi, afferma che i suoi sostenitori non metteranno in discussione il potere dell’esercito Al Jazeera

LETTURE SERALI

  • Come mettere in sesto le finanze ucraine? L’opinione del New York Times
     
  • Le conoscenze politiche hanno arricchito molti in passato. Ma l’età del capitalismo tra «amici» starebbe per finire, dice The Economist
     
  • Gender studies. Uno studio mostra che le bambine che hanno giocato con Mrs. Potato Head sono più convinte di far carriera di quelle che hanno giocato con la Barbie The Atlantic