Ecco perché abbiamo sempre stesse app sullo smartphone

Ecco perché abbiamo sempre stesse app sullo smartphone

Dimmi come organizzi il tuo smartphone e ti dirò chi sei. Tra applicazioni, cartelle e colori si cerca sempre per quel che si può di mettere un po’d’ordine all’interno di uno schermo in continua trasformazione. In una ricerca effettuata da BTIG sono stati analizzate oltre trecento schermate (quasi tutte con sistema operativo iOS) di smartphone, per capire e analizzare quali sono gli elementi che emergono di più rispetto agli altri nella disposizione delle cose, cosa rimane di più e cosa invece viene eliminato.

Generalmente le applicazioni che vengono preinstallate tendono a rimanere lì dove sono nella home dello schermo. Di tutti gli schermi analizzati nella ricerca, risulta che il 93% degli utenti non cambia lo strumento di chiamata, il 96% mantiente il servizio di messaggistica, il 93% utilizza lo servizio di mail predefinito, l’85% ha un calendario e l’81% utilizza Safari come browser per navigare. Tuttavia mentre applicazioni come “phone” e “iMessage” sono fondamentali per avere un minimo di utilizzo di base dello smartphone. Atre applicazioni sono in qualche modo agevolate dal rimanere sullo schermo da parte di Apple, considerato che per eliminarle ci vogliono delle procedure piuttosto lunghe. Scopritele in questo articolo di Fast Company.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter