TaccolaLe grandi imprese stanno assumendo, ma solo all’estero

Le grandi imprese stanno assumendo, ma solo all’estero

Nella decisione su dove investire tra Italia ed estero, in questi anni le imprese italiane non hanno avuto dubbi: fuori dai confini. Al di là delle speranze date dalle operazioni di backshoring, il ritorno delle imprese sul territorio nazionale dopo le delocalizzazioni, ci sono i numeri con la loro chiarezza. Ne basta uno a dare l’idea: dal 2009 al 2013 le imprese manifatturiere hanno incrementato del 70% i dipendenti all’estero. Nello stesso periodo, il numero di quelli in Italia è invece sceso dello 0,8 per cento. 

Queste sono le medie, che tengono conto dei 40 maggiori gruppi industriali italiani, analizzati dall’Annuario R&S (ricerca e studi), appena pubblicato da Mediobanca. Se dall’analisi si esclude il dato relativo alla Chrysler, l’incremento all’estero si riduce a un più modesto +34%, mentre il dato italiano resta ugualmente negativo. 

Considerando tutti i maggiori 50 gruppi societari italiani (i 40 industriali più sette gruppi bancari e tre assicurativi), il verdetto è ancora più pesante, guardando al lato italiano: -3,6% di dipendenti in Italia e +36,2% all’estero). 

L’aspetto ancora più preoccupante dello studio di Mediobanca riguarda le percentuali di impiegati all’estero, in rapporto a quelli complessivi. Se solo nel 2009 erano il 50,8% del totale, nel 2013 sono diventati il 59,3 per cento. 

Una società come Pirelli è esemplificativa: i dipendenti all’estero dal 2009 sono saliti del 36,8%, mentre quelli in Italia sono stati ridotti del 19 per cento. A conti fatti, oggi il 90,5% di chi lavora per la società della Bicocca lo fa fuori dall’Italia. A Pirelli è seconda solo Impregilo, ora Salini Impregilo, che occupa all’estero il 90,2% delle persone. I suoi lavoratori extra-confine sono saliti di ben il 46,7%, dal 2009, mentre in Italia calava la mannaia: -31,8 per cento. 

Su queste dinamiche influiscono certamente anche le acquisizioni. Così si spiega il +97% di dipendenti all’estero rispetto al 2009 di Exor, la holding che controlla il gruppo Fiat-Chrysler Automobiles (Fca), e il +136% di Campari, nota per aver fatto shopping tra gli spirits in giro per il mondo. 

Sono comunque dati di cui bisogna ricordarsi, in particolar modo se si parla di gruppi che stanno licenziando in Italia, e che per di più sono di proprietà pubblica. È il caso di Eni. Dopo la manifestazione a Gela del 28 luglio, il 29 luglio è stata la volta dello sciopero a livello nazionale, a causa degli annunciati ridimensionamenti degli stabilimenti italiani. L’Ente italiano idrocarburi dal 2009 ha incrementato del 30,2% i dipedenti all’estero, mentre nello stesso periodo riduceva del 23,7% quelli dentro i confini. 

Di seguito, i dati in dettaglio per le 50 maggiori aziende e lo spaccato delle imprese pubbliche e private: 

Dipendenti esteroDipendenti italia
Var. % 2013‐2009Var. % 2013‐2009
A2A2.77308
ACEA‐41,9‐2,1
Aurelia67
Brembo5407
Buzzi Unicem‐6,9‐16,4
Caltagirone‐7,6‐22,6
Cofide2401
Cremonini‐47,225
Danieli & C.6509
Davide Campari137‐2,3
Edison‐12,8
Edizione02‐5,8
ENEL‐13,8‐10,1
Eni30‐23,7
Exor9700
Fininvest07‐8,1
Finmeccanica‐12,6‐12,6
HERA29
IMMSI23‐8,7
Indesit Company04‐18,7
Iren78
Parmalat25‐15,6
Pirelli & C.37‐18,9
Prada10118
Prysmian7907
RCS MediaGroup‐43,8‐23,0
Recordati3802
Impregilo (ora Salini Impregilo)47‐31,8
Snam (*)‐4,3
Telecom Italia‐2,0‐12,7
TERNAn.c.‐0,1
TOD’S7224
Totale36‐3,6

fonte: elaborazione Linkiesta su dati Mbres – Mediobanca

Dipendenti esteroDipendenti italia
Var. % 2013‐2009Var. % 2013‐2009
Gruppi Industriali Pubblici5‐4,1
di cui:
Eni30‐23,7
ENEL‐13,8‐10,1
Local Utilities + Edison28414
Altri‐12,63

fonte: elaborazione Linkiesta su dati Mbres – Mediobanca

Dipendenti esteroDipendenti italia
Var. % 2013‐2009Var. % 2013‐2009
Gruppi Industriali Privati49‐3,2
di cui:
Manifattura71‐0,8
Altri1‐5,7

fonte: elaborazione Linkiesta su dati Mbres – Mediobanca

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta