Ferragosto: istruzioni per la grigliata perfetta

Ferragosto: istruzioni per la grigliata perfetta

A qualcuno capiterà: Ferragosto è periodo perfetto per le grigliate, specie per chi sceglie di restare in città. Si tratta però di un’attività che richiede una expertise notevole. Sembra facile mettere carne sul fuoco ma non lo è. Per questo, per i più imbranati, siamo andati a cercare istruzioni e consigli sul web, sapendo che sui siti americani avremmo trovato di sicuro qualcosa. Del resto gli Usa sono la patria del barbecue, che insieme alle tagliaerba e alle pistole rappresentano la cifra nazionale.
 

Quale supporto usare?

Secondo gli specialisti, è meglio grigliare con il carbone. È un fatto di stile, dicono, e di qualità del cibo. In realtà forse grigliare con il gas non è molto diverso. Tra i vantaggi c’è il fatto che diventa caldo in poco tempo e che dà un ottimo aroma a quello che si prepara. Tra le controindicazioni si può indicare che si ha a che fare con fuoco vero (ma il barbecue è roba da uomini) e che è molto più difficile da pulire alla fine, visto che è pieno di ceneri.
 

Come si fa?

Prima regola: riscaldare. Prima della cottura serve che la griglia sia calda. Il difficile, per alcuni, è accendere il fuoco: qui ci sono alcune istruzioni. Quel che conta sapere è che usare benzine e liquidi vari, anche se può sembrare una mossa furba, è uno degli errori più gravi. È pericoloso e dà un retrogusto chimico al cibo che non consigliamo a nessuno.

Quando la griglia è calda, allora bisogna pulire i ferri del mestiere, per rimuovere tutto il grasso che si era accumulato dalla volta precedente. Cosa da non fare il giorno dell’ultima grigliata della stagione: il grasso raffreddato proteggerà la griglia dalla ruggine

Una volta terminata l’operazione, basta appoggiare la griglia e cominciare la cottura. Stando bene attenti a tenere vivo il fuoco ed evitare che la carne (o le verdure) brucino. Non è difficile.
 

Trucchi da esperti

Per evitare che la carne perda il suo succo quando la si rovescia sull’altro lato, meglio usare una spatola o una pinza. Mai la forchetta. In generale, poi, sarebbe raccomandabile rovesciarla poche volte. I veri esperti, quelli in gamba, lo fanno una volta sola.

Mai premere o – peggio ancora – spremere la carne o le verdure sulla griglia. Una bestemmia: non aiuta la cottura e toglie il sapore.

Infine, per aggiungere aromi e sapori particolari, bisogna lavorare sulle braci. Se si vuole un particolare sapore di noce, o di quercia, basta aggiungere frammenti di questo legno, dopo averli bagnati in acqua.