L’Internet delle cose non ci renderà dei cyborg ma ancora più umani

Lasciamo gli scenari da incubo alla fantascienza. Le nuove tecnologie, soprattutto quelle legate al nostro corpo, non ci disumanizzano affatto. Semmai ci rendono ancora più pienamente umani perché attivano risorse fisiche, neurologiche finora inesplorate

JOSEP LAGO/AFP/Getty Images

Cinquanta miliardi di macchine che si parlano fra loro: possiamo naturalmente vederle – alcuni con ammirazione, altri con sgomento – come l’irresistibile avanzata della tecnologia e dell’intelligenza artificiale. Ineccepibile, no?

Sì, ineccepibile ma anche limitato: perché nella Internet of Things – il più eclatante fenomeno degli ultimi e dei prossimi anni – c’è molto di più della Internet of Things. Come c’era molto di più nel fuoco che non soltanto il fuoco, e poi nella ruota, nella stampa, nell’elettricità, e in tutte le altre scoperte e invenzioni che hanno espanso la nostra esistenza.

Perché nell’intera storia umana il mutamento tecnologico è sempre stato il rivelatorio dito che ci ha mostrato la luminosa luna di un mutamento umano, antropologico, vitale.

(…)

Continua a leggere su Centodieci

La tecnologia ci consente di scoprire nuovi gesti, di attivare aree dormienti della nostra mente

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta