Perché si scrive Arkansas e si legge Àrkanso?

I più informati lo sanno, ma pochi sanno perché. È una lunga storia, parallela a quella del vicino (ma non confinante) Kansas, che però ha mantenuto la scrittura uguale alla pronuncia

I conoscitori di cose americane lo sanno pronunciare come si deve: Arkansas, lo Stato del sud-ovest, si legge Àrkanso. Eppure, il suo quasi vicino Kansas, si scrive e si pronuncia, appunto, Kansas. Come si spiega questa bizzarria?

Kansas deriva “Kansa”, che era il nome di una tribù indiana che abitava quell’area. Al plurale, come vuole la regola dell’inglese, si diceva “Kansas”. Il passaggio del nome dalla popolazione allo Stato è immediato, anche se in mezzo si sono avvicendate, tra il dominio francese, la presenza ispanica e le diverse etnie dei nativi, varie pronunce. Gli stessi Kansa usavano un suono più nasale, una “z” e una specie di “e” alla fine. Gli altri usavano Kansa, o Kantha, o Kances, o Konza. O addirittura Canees e Canceys. Alla fine si è imposto Kansas e tutti sono stati contenti.

Più controverso il caso dell’Arkansas. Anche qui il nome deriva da quello di una tribù, i Quapav, chiamati “akansa” dagli Algonchini. La parola ci mise poco a diffondersi, con tutte le pronunce e le grafie del caso: Akancea, Acansea, Acansa. Quella che si impose, stavolta, fu la versione dei francesi: “Arcansas”. Ma attenzione: la “s” finale, come spesso accade in francese, non veniva pronunciata. Quando il territorio venne acquisito dagli inglesi, decisero di mantenere la pronuncia, ma di modificare un minimo la pronuncia. Da Arcansas si è passati ad Arkansas, mantenendo silenziosa la “s”: Arkansà.

Sembrerà una cosa da poco, ma la corretta pronuncia del nome dello Stato diventerà, nel 1881, oggetto di una vivace discussione tra due senatori: uno appoggiava la dicitura “Arkanso”, l’altro la più tradizionale “Arkansas”. La spunterà il primo, ma a caro prezzo. Sia il nome del fiume, l’Arkansas River, che quello della città, Arkansas City, si pronunciano “Arkansas”. Nel pieno spirito della par condicio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta