Quesiti linguistici“Severo” ma giusto? Risponde la Crusca

La fortuna attuale del termine dipende dal modello dell’inglese ‘severe’, che significa ‘grave’, molto diffuso con questa accezione in ambito medico

Tratto dall’Accademia della Crusca

L’uso di severo non già nei suoi significati originari e più ricorrenti di ‘intransigente’, ‘inflessibile’, specialmente nell’educare o nel giudicare (un padre, un professore, un giudice severo) e di ‘improntato a intransigenza, rigore, severità’ (un rimprovero, un giudizio, un castigo severo), ma nel significato di ‘grave’ è diffuso nel linguaggio medico italiano (una sintomatologia severa, un’esofagite severa), ma non da oggi.

Certamente la fortuna attuale del termine dipende dal modello dell’inglese severe, che per l’appunto significa ‘grave’; ma il riferimento all’àmbito medico è già registrato in un vocabolario italiano dell’Ottocento, quello di Policarpo Petrocchi. Inoltre Luca Serianni, in un magnifico volume dedicato alla storia della lingua medica italiana, ne allega esempi che, sia pur isolati, risalgono alla fine del Settecento. La diffusione e il radicamento nella storia del linguaggio medico italiano rendono dunque del tutto ammissibile l’uso di severo nel significato di ‘grave’.

CONTINUA A LEGGERE

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter