Leggerezza e abilità: ecco tutte le utilissime dritte per diventare campioni di yo-yo

Come per tutte le attività dell’uomo, anche per il campionato di yo-yo occorre allenamento, costanza, voglia di vincere. E una buona dose di incoscienza

da Youtube

Utili o inutili, le capacità di una persona, se portate al massimo, possono portare fama, gloria e successo. È, in poche parole, la storia di Gentry Stein, campione mondiale di yo-yo. Ha cominciato a giocare e a esercitarsi da piccolo, ha subito notato di avere del potenziale e ha deciso di lanciarsi in quella che, secondo molti, potrebbe essere considerata una carriera dondolante. A 18 anni ha vinto il campionato del mondo, e questa è già una soddisfazione.

Come spiega in questo lungo, ma appassionante video girato per Wired, Stein spiega che dietro alle sue mosse matte e spettacolari ci sono tante, anzi tantissime ore di lavoro. “Per prepararmi al mondiale ho fatto esercizi per sei, a volte otto ore al giorno”. Tutti i giorni, per almeno un anno intero.

 https://www.youtube.com/embed/-wiNh4LLQzg/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Il percorso per diventare un campione è quello di ogni sport. Anzi, di ogni attività. Si comincia dalle cose più semplici, “un set di trucchi base che tutti devono conoscere e che costituiscono le fondamenta delle acrobazie successive, sempre più complicate” e poi si passa a sviluppare nuove idee, fino a inventare una vera e propria “routine di allenamento” che prepara il numero da portare alle gare.

È un lavoro stressante, non solo dal punto di vista della concentrazione (deve essere alta) ma anche da quello fisico: serve stare in piedi per ore, tenere allenati i muscoli e ripetere, anche quando si è stanchi, esercizi snervanti che sembrano (sono?) inutili. Eppure, come detto prima, anche con un uso sfrenato dello yo-yo – che nel tempo ha anche cambiato forma e design, oltre che componenti –si può arrivare alla gloria. O quanto meno, a un piccolo successo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta