Hasta la letteratura siempreAnche Ernesto “Che” Guevara scriveva lettere (e voleva andare sulla Luna)

A Cuba pubblicano "Epistolario de un tiempo. Cartas 1947-1967", l'epistolario del guerrigliero argentino che voleva diventare filosofo. Dalle lettere a Fidel: "Abbiamo fatto troppi errori", alle missive al figlio: "Quando sconfiggeremo l'imperialismo faremo una vacanza sulla luna"

Wikimedia Commons

Recentemente, il mio caro amico pittore Marcovinicio, un genio energumeno, mi ha mostrato delle fotografie del ‘Che’ poco note. Una rissa di soldati – i traditori – sono intorno al corpo morto, sulla barella, del guerriero. Il ‘Che’ ha lo sguardo allucinato, la mano penzola, la barba è cristica. La fotografia sembra una deposizione, ma al posto di Nicodemo e delle donne, intorno a quel morto ci sono dei vampiri. Quei soldati dal viso poco memorabile, vogliono nutrirsi di quel corpo, diventato leggenda con lampante leggerezza, il corpo della Storia. La Storia, in effetti, per compiersi, si nutre di morti.

*

Al netto della barbarie – l’uomo è quello che, tragicamente, antepone una idea alla vita del prossimo, fino a perdere se stesso in quella idea – c’è una tragica e trasognata spavalderia nella velocità con cui il ‘Che’ è stato travisato come una specie di Achille dei perduti, di Mosè dei disperati; uno spavaldo cinismo nello sbandierare il viso, cristico, su t-shirt e discorsi abborracciati su speranze depredate e guerriglie dietro l’angolo. In effetti, l’uomo è agito dal senso di rivolta, dal desiderio di rivalsa, dalla micidiale seduzione per la lotta.

Qualcosa sul ‘Che’, facendo scempio dell’agiografia indotta dagli ideologi – per cui i cadaveri sono oro – emerge da Epistolario de un tiempo. Cartas 1947-1967, pubblicato a Cuba da Ocean Sur “insieme al Cento de Estudios Che Guevara”. Si tratta di una vasta messe dall’epistolario del ‘Che’ – sono 360 pagine – dalle “Lettere della gioventù” alle “Lettere del dirigente politico”, alle ultime, le più interessanti, che seguono l’ultima apparizione pubblica ufficiale, ad Algeri, nel febbraio del 1965. “Si tratta di una selezione esaustiva e rivelatrice, se non altro perché, al di là di alcune lettere assai note, ma mai pubblicate insieme, ve ne sono diverse finora sconosciute, che raccontano la crescita personale, intellettuale e politica di Guevara”, scrive Mauricio Vicent in un lungo articolo, La última despedida del Che Guevara, pubblicato su “El País”.

Continua a leggere su Pangeanews

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020