L'intramontabile Patti L’ultimo libro di Patti Smith: simboli e portenti si nascondono in luoghi inattesi

Nel ricordare l'incontro con il produttore, manager e critico rock, Sandy Pearlman, che le ha cambiato per sempre la vita, la rock star americana racconta i disagi e le difficoltà del suo essere donna

Pangea News

Insomma: Patti Smith è la storia della musica degli ultimi decenni. L’anno prossimo si festeggeranno i 45 anni dal primo, leggendario disco, “Horses”. Aveva 28 anni, all’epoca. Ora va per i 73. Dei suoi libri approdati in Italia ricordiamo, per Einaudi, “Il sogno di Rimbaud” (1997), le poesie stampate da Frassinelli come “Presagi d’innocenza” (2006), le stampe recenti di “Devotion” (Bompiani, 2018) e di “M. Train” (Bompiani, 2016). Il libro più noto, però, è “Just Kids” (stampa Feltrinelli), con cui Patti ottiene il National Book Award. Tra una settimana esce in tutto il mondo anglofono l’ultimo libro di Patti Smith, “Year of the Monkey”, per il gruppo Penguin Random House. Sbarcherà in Italia. Per non farci trovare impreparati, ecco ampi stralci dalla recensione di Fiona Sturges scritta per il “Guardian”.

All’inizio del 2016 Sandy Pearlman, produttore, manager, critico rock, amico di Patti Smith, è stato ricoverato in ospedale in seguito a una emorragia cerebrale. Patti lo incontra la prima volta nel 1971, durante uno spettacolo in cui leggeva alcune poesie, grazie al chitarrista Lenny Kaye. Pearlman si avvicina alla Smith, le propone di far parte di una rock band. Nel suo ultimo libro di memorie ci ricorda la sua risposta: “Mi sono messa a ridere, gli ho detto che avevo già un ottimo lavoro in libreria”. Come sappiamo, seguirà il consiglio del produttore, fino a registrare il primo album, “Horses”. La loro amicizia è durata quasi 50 anni, finisce al capezzale del letto d’ospedale, con Pearlman in coma. “Io e Kaye siamo stati sempre con lui, gli abbiamo promesso di mantenerlo sveglio, di cogliere ogni segnale di vita”. Il segnale non è arrivato, Pearlman morì sei mesi dopo.

Il resoconto del 2016 mostra l’ordalia di un anno difficile. La perdita degli amici, l’ascesa spaventosa del populismo, la catastrofe ambientale, la battaglia durante le elezioni americane. Il disagio dei 70 anni imminenti. Così, dopo qualche concerto, la Smith si lancia in un “vagabondaggio passivo, una tregua dal clamore, dalle grida del mondo”. Vaga tra Arizona, California, Virginia, Kentucky. Fa visita alla sua ex compagna, va da Sam Shepard, il drammaturgo, alla fine della sua vita. Shepard sta completando l’ultimo libro, The One Inside, ma scrivere è sempre più difficile e chiede a Patti di farle da amanuense. Poi la vediamo a Lisbona, visita la casa del poeta Fernando Pessoa, poi nel bungalow di Rockaway Beach, spazza la polvere, è seduta in veranda, guarda fiori e insetti.

Continua a leggere su PangeaNews

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta