RicettarioConsigli pratici per fare la spesa in modo efficiente al tempo del coronavirus

Esce il 29 marzo (ma è già possibile preordinare) “Cucina di resistenza nel tempo sospeso”, instant book digitale con 38 ricette da provare con piacere ed efficacia durante i giorni di quarantena forzata

Miguel MEDINA / AFP

Possiamo suddividere il mondo dei prodotti alimentari in due grandi gruppi: i prodotti a lunga conservazione e quelli facilmente e rapidamente deperibili. Per quanto riguarda i prodotti a lunga conservazione quali ad esempio olio, aceto, sale, zucchero, pomodori pelati, pasta, riso ecc. possiamo prevedere un acquisto mensile. In linea generale tutto quello che si trova sugli scaffali a temperatura ambiente è da considerare a lunga conservazione. Naturalmente si intende a lunga conservazione se è conservato nelle condizioni ideali e cioè a temperatura fresca, in ambiente buio e non umido e a confezione integra. Per temperatura ambiente si intende 18 °C circa.

Nel mondo di prima, le indicazioni erano di scegliere ogni singolo prodotto controllando l’etichetta per conoscere le sue caratteristiche fondamentali e la sua scadenza, il costo unitario (considerando il peso e non la confezione perché esistono confezioni di diversa capacità), le promozioni. È utile un minimo di informazione e conoscenza per poter sceglier nel modo migliore.

Adesso magari non soffermiamoci troppo al supermercato, è meglio procedere spediti e lasciare i confronti e le comparazioni tra etichette a quando avremo più tempo e meno ansia. Comprate ciò a cui siete abituati, usate prodotti con cui avete un feeling e scegliete le aziende di cui vi fidate. Ci sarà tempo per fare sperimentazione.

A questo punto è chiaro che si procede sempre allo stesso modo, acquistando i prodotti più ingombranti, pesanti e a lunga conservazione.

Le prime volte può sembrare faticoso e noioso ma soltanto con un poco di tempo e pazienza e leggendo le etichette, e ovviamente provando in seguito i prodotti a casa, si riesce a formare una salda conoscenza che consente poi di scegliere sempre rapidamente il meglio.

Facciamo un semplice esempio.

Acquistiamo i pomodori pelati, un prodotto di largo e notevole consumo (forse persino troppo). Valutiamo la grandezza della confezione più adatta alle nostre esigenze, perché è inutile poi aprire più barattoli per realizzare la nostra salsa oppure lasciare una parte del prodotto inutilizzato in frigorifero, in una bacinella comunque ingombrante e per qualche giorno. Acquistiamo le due marche che per prestigio o per prezzo ci interessano e, una volta a casa, verifichiamone il contenuto: quanti pelati e se interi, quanta acqua di conserva e la sua densità, il colore dei pelati e, assaggiandone un cucchiaio, l’acidità. Preferiamo quella con più pelati e meno acqua, più maturi e colorati e meno acidi.

Naturalmente dall’etichetta possiamo cercare di scoprire se il prodotto è davvero italiano.

Seguendo il nostro ideale percorso, acquistiamo le bevande, l’olio, l’aceto. I legumi secchi, la pasta, il riso, il sale, lo zucchero.

Un tempo le massaie previdenti si presentavano in negozio con la lista scritta a mano. Rimane ancora una ottima idea; ancora meglio scrivere a casa l’elenco delle ricette che volete preparare durante la settimana, da cui evincere la lista dei prodotti che serviranno, quasi come se fossimo un vero e proprio ristorante che tiene l’elenco dei prodotti che si usano e un elenco dei fornitori, magari una piccola lavagna dove scrivere le cose che stanno terminando per acquistarle prontamente e non rimanerne sprovvisto.

Operare come un’azienda:

• riconoscere i propri bisogni, selezionare le ricette da preparare

• selezionare i prodotti che ci servono e che preferiamo

• selezionare i nostri fornitori controllando i prezzi, le promozioni, la comodità e la vicinanza, la costanza della qualità, la possibilità che ci forniscano i prodottia casa

• acquistare e a casa conservare correttamente e infine utilizzare.

 

Cucina di resistenza nel tempo sospeso. Cucinare ai tempi del coronavirus, scritto da Anna Prandoni, con fotografie di Gaia Menchicchi. APProjects edizioni, ebook, 80 pagine, 4,99 euro

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta