Cucina con GastronomikaCarciofi alla romana

La ricetta originale dello chef Fabio Zago 

Credits Gaia Menchicchi

Ogni giorno vi raccontiamo una nuova ricetta da provare, costruendo insieme le nostre cene e cercando di imparare di giorno in giorno una tecnica, un tipo di cottura, un taglio sempre nuovi. Non diventeremo chef, ma sicuramente avremo nel nostro quaderno qualche nuovo grande classico di famiglia, da condividere nei prossimi mesi nelle cene con gli amici. Prima di cominciare, un unico imperativo: lavatevi bene le mani.

Ingredienti e dosi per 4 persone 

8 carciofi, olio extravergine d’oliva, 1/2 bicchiere di vino bianco, 2 spicchi d’aglio, un mazzetto di prezzemolo, qualche fogliolina di menta, alloro, sale, pepe

Procedimento

Tritare l’aglio, il prezzemolo e spezzettare le foglioline di mentuccia.

Condire l’interno dei carciofi.

Rosolare gli spicchi d’aglio schiacciati con abbondante olio evo; unire i carciofi, con il gambo rivolto verso l’alto e insaporirli.

Bagnare con il vino e far evaporare. unire l’alloro. Salare, pepare. Bagnare con un mestolo d’acqua, coprire e cuocere per 15 minuti. Spolverare con poco prezzemolo tritato.

Servire.

SI FA COSÌ:  Pulire i carciofi: mantenere circa 3 cm di gambo, eliminare le bratte esterne dure, tagliare dalla base almeno la metà del carciofo, eliminando la parte esterna delle foglie. Pelare i gambi e tornire il fondo, eliminando gli aculei delle foglie strappate. Eliminare la parte interna, la cosiddetta ‘barba’, con un coltellino o con uno scavino tondo. Conservare in acqua fredda leggermente acidulata fino al momento della cottura.

 

*La ricetta è dello chef Fabio Zago 

*La foto dei carciofi è di Gaia Menchicchi

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta