Chiamata in corsiaCoronavirus, l’appello di AlmaLaurea ai giovani medici laureati

Per facilitare il reclutamento dei neo-laureati il consorzio interuniversitario ha messo a disposizione delle regioni gli elenchi dei dottori nelle discipline medico sanitarie e pubblicato sul proprio sito i bandi per l’assunzione negli ospedali

Anche AlmaLaurea scende in campo nella lotta contro il coronavirus. Il consorzio interuniversitario ha fatto appello ai laureati in medicina per rispondere all’urgente necessità, da parte di diverse regioni, di reclutare personale da impiegare negli ospedali. D’intesa con il Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, AlmaLaurea mette così a disposizione delle regioni gli elenchi dei laureati nelle discipline medico sanitarie e pubblica sul proprio sito i bandi per l’assunzione del personale.

Grazie alla sua banca dati, AlmaLaurea fa sapere che per l’anno 2019 si contano circa 10mila laureati nelle professioni sanitarie infermieristiche e altrettanti in medicina e chirurgia. «Un patrimonio di informazioni preziose che il Consorzio mette a valore per rispondere con tempestività alla domanda urgente di lavoro, centrata sulle professioni indispensabili alla risoluzione dell’epidemia» spiega Ivano Dionigi, presidente di AlmaLaurea.

Al momento il consorzio ha iniziato la sua collaborazione con Basilicata, Abruzzo, Emilia Romagna, Lazio, Sicilia, Trentino-Alto Adige e Valle d’Aosta. I laureati che faranno domanda attraverso i bandi e gli avvisi che vengono pubblicati potranno essere contattati direttamente dalle regioni.

La piattaforma, famosa per le sue indagini sulla condizione occupazionale dei laureati, mette anche a disposizione delle aziende (in questo caso sanitarie) dei servizi di recruiting accessibili online, raccogliendo e rendendo inoltre disponibili i curriculum vitae dei laureati.

A tal proposito, ai laureati interessati, AlmaLaurea consiglia pochi semplici passaggi per velocizzare il passaggio in corsia: aggiornare il curriculum vitae, controlla regolarmente la casella di posta e monitorare la piattaforma, dove periodicamente vengono aggiornati la lista dei bandi e le informazioni raccolte regione per regione.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020