Gente di PutinL’ex consigliere di Biden ci scrive come i russi hanno aiutato Lega e Cinquestelle

Michael Carpenter, vice segretario alla Difesa ai tempi di Obama, racconta a Linkiesta la strategia del Cremlino per sostenere e influenzare i movimenti anti-establishment europei, sia quelli di destra sia quelli di sinistra. Il caso italiano

Paul Morigi / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / Getty Images via AFP

Nel libro “Putin’s people. How KGB took back Russia and then took on the West”, la giornalista Catherine Bolton, ex corrispondente da Mosca del Financial Times, riporta una conversazione avuta nel 2015 con Michael Carpenter, all’epoca Vice Segretario alla Difesa degli Stati Uniti sotto Obama e consigliere per la Russia del Vice Presidente Joe Biden e oggi direttore del Penn Biden Center for Diplomacy and Global Engagement. Carpenter le dice dei finanziamenti russi a una serie di partiti europei e nomina anche la Lega Nord e il Movimento Cinque Stelle. Gli abbiamo chiesto di spiegarci quella frase. Ecco la risposta che ha dato a Linkiesta:

«Lo stato russo sostiene attivamente e cerca di influenzare i movimenti anti-establishment in tutta Europa, sia all’estrema sinistra che all’estrema destra. È importante sottolineare che questo supporto si presenta in molte forme diverse: politica, organizzativa, informativa, finanziaria e così via. In genere è canalizzato attraverso una rete opaca di patrocinio basata su investimenti russi e relazioni economiche all’estero. Sebbene vi siano prove considerevoli del sostegno finanziario russo ai movimenti populisti, ad esempio a Marine Le Pen in Francia o al Forum per la democrazia nei Paesi Bassi, questo sostegno non è sempre monetario. Nel caso della Lega Nord e del Movimento Cinque Stelle è abbastanza chiaro che i media controllati dallo Stato russo (ad esempio, Sputnik e RT) e gli account sui social media russi non ufficiali abbiano sostenuto attivamente questi partiti per molti anni. Il quotidiano La Stampa ha realizzato scoop clamorosi su questo tipo di supporto sui social media. Diversi anni fa, Lega Nord ha anche firmato un memorandum d’intesa con il partito Russia Unita in cui le due organizzazioni si impegnavano a cooperare su questioni di reciproco interesse, a indicare come il rapporto tra le due parti fosse ben sviluppato. Ma ciò non significa che la Lega sia necessariamente sostenuta finanziariamente dal Cremlino. BuzzFeed ha ampiamente parlato degli incontri segreti degli agenti della Lega a Mosca, incontri che lasciano intendere la possibilità di incentivi finanziari per la cooperazione politica, ma queste accuse devono ancora essere provate. La principale conclusione, quindi, è che l’influenza russa si manifesta in molte forme diverse, incluso il sostegno finanziario diretto in alcuni casi, ma anche attraverso la propaganda e il supporto organizzativo». 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta