Contro l’autonomiaLa Cina ha approvato la legge sulla sicurezza nazionale per Hong Kong

L’Assemblea Nazionale del Popolo, l’organo legislativo del Parlamento, ha deciso: per l’ex colonia britannica è reato minare l’autorità di Pechino

Afp

L’Assemblea Nazionale del Popolo, l’organo legislativo del Parlamento cinese, ha approvato la legge sulla sicurezza nazionale per Hong Kong.

Adesso nell’ex colonia britannica è reato minare l’autorità di Pechino: la legge punirà secessione, sovversione del potere statale, terrorismo e atti che mettano a rischio la sicurezza nazionale.

«È un’azione importante» ed è «in linea con gli interessi fondamentali delle persone in Cina e a Hong Kong», ha dichiarato il presidente della Anp, Li Zhanshu, nel corso della cerimonia. «La nuova legge permetterà che al modello “un Paese, due sistemi” di proseguire stabilmente» ha poi aggiunto.

La decisione di adottare una legge per la sicurezza nazionale, nei giorni scorsi, non era stata accolta positivamente dalla popolazione.

La polizia di Hong Kong ha arrestato almeno 180 manifestanti e sparato gas lacrimogeni contro chi si era riunito per protestare. La legge è accusata di infliggere un colpo letale all’autonomia dell’ex colonia ed è da tempo un punto di frizione tra i cittadini e il governo centrale.

Queste le parole di Joshua Wong, attivista e politico hongkonghese leader della rivolta degli ombrelli, rilasciate a Linkiesta.

«L’autonomia e la libertà sono promesse nella Dichiarazione congiunta, un trattato internazionale giuridicamente vincolante alle Nazioni Unite. Poiché la Cina sta violando e riscrivendo la norma, esorto l’Unione europea ad approvare un legislatore simile al Magnitsky Act, imporre sanzioni alla Cina e includere clausole sui diritti umani in relazione a Hong Kong nei trattati commerciali che stanno per concludere con la Cina».

Ieri, inoltre, il segretario di Stato Mike Pompeo ha affermato che Hong Kong non è più autonoma dalla Cina, gettando le basi per la rimozione dello status speciale della città nei suoi rapporti con gli Usa.

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta