Orbán, fa caldoRiga e Budapest sono diventate le due capitali del calore europeo

In oltre 35.000 città del Continente, la temperatura media è aumentata di oltre 2°C negli ultimi cinquant’anni. Il comune col picco più alto è Reykjanesbær proprio accanto al sempre più frequentato aeroporto internazionale dell’Islanda

Pixabay

Cinquant’anni di dati per oltre centomila comuni d’Europa lo confermano: il nostro continente si sta riscaldando un po’ a tutte le latitudini. Anzi, in un terzo dei comuni europei la temperatura media è aumentata di oltre due gradi tra gli anni Sessanta e l’ultimo decennio, con alcune punte che superano addirittura i 5°C di differenza. Al contrario, solo 73 dei 102.445 comuni che abbiamo analizzato hanno visto una diminuzione della temperatura media, comunque limitata a pochi decimi di grado.

Due terzi delle province hanno vissuto aumenti di temperatura compresi tra 1,5°C e 2,5°C (con “province” ci riferiamo alle regioni NUTS3 ). Si tratta di valori medi che si riferiscono a un intero decennio: dietro numeri apparentemente piccoli possono nascondersi variazioni stagionali o annuali anche parecchio più ampie. Sono valori stimati dal servizio europeo Copernicus, che cerca di armonizzare il più possibile i dati nel tempo e attraverso i confini e usa delle stime per riempire le lacune

Certo, il riscaldamento climatico non ha colpito allo stesso modo tutte le regioni d’Europa: ma in ciascuno dei 35 Paesi che abbiamo preso in considerazione (tranne Malta) c’è almeno un comune dove la temperatura media risulta aumentata di oltre due gradi nell’ultimo mezzo secolo, e in 23 Paesi tra questi c’è almeno un comune dove l’aumento risulta superiore ai tre gradi.

Le grandi capitali del calore
I fattori che determinano il riscaldamento climatico sono molti, avvengono su livelli diversi e interagiscono in maniere complesse – non esistono spiegazioni che si possano applicare in modo identico a tutti i centomila comuni analizzati. È però possibile osservare alcuni elementi ricorrenti: all’interno di ciascun Paese, tra i comuni dove la temperatura è aumentata di più troviamo spesso le capitali o i loro sobborghi, soprattutto nell’Europa centro-orientale. È questo ad esempio il caso di Tallinn e Belgrado, ma anche di Riga e Budapest, le due capitali europee che – stando ai dati che abbiamo utilizzato – si sono scaldate di più tra tutte.

In cima alla lista troviamo anche insediamenti situati nei pressi di grandi aeroporti: è il caso del comune europeo che in assoluto ha visto aumentare di più la temperatura, ovvero Reykjanesbær – proprio accanto al sempre più frequentato aeroporto internazionale dell’Islanda. Lì l’aumento stimato da Copernicus è stato tanto eccezionale da sfiorare i 5,8°C in pochi decenni.

European Data Journalism Network

 

A Budapest l’aumento di temperatura stimato da Copernicus si assesta invece sui 4°C. I meteorologi ungheresi ritengono che la variazione effettiva sia stata un po’ più contenuta – ma di certo l’intero bacino carpatico si sta scaldando più della media europea ed è sempre più soggetto a siccità e ondate di calore.

Nella capitale ungherese esistono anche dei seri problemi legati alle isole di calore e alle emissioni provocate dal traffico e dai sistemi di riscaldamento o raffreddamento domestico. «L’asfalto e le macchine sono ovunque.

In alcuni quartieri gli spazi verdi sono inferiori a 1 mq per abitante. Decenni di speculazione edilizia hanno finito per convertire moltissime aree verdi in parcheggi, centri commerciali e nuove strade», ci dice András Lukács, presidente dell’Ong ambientalista Levegő Munkacsoport.«Fuori dal centro molti usano ancora il legno per riscaldare le loro case d’inverno, e in troppi continuano a bruciare rifiuti».

Vallate sempre più verdi
In alcuni Paesi europei i comuni che si sono riscaldati di più sono invece piccoli villaggi, a volte piuttosto sperduti come nel caso di Llívia in Spagna o Monor in Romania: lì l’attività umana su scala locale ha inciso poco, il problema non sono le isole di calore, il traffico o le industrie.

Si tratta piuttosto di zone dove il riscaldamento globale si fa sentire di più per ragioni geografiche, legate ad esempio alla conformazione del territorio o all’altitudine. Analoghe ragioni paiono giocare un ruolo nei comuni e nelle province europee che risultano meno colpite dal riscaldamento climatico, in larga parte concentrate lungo la costa andalusa, nel Mar Egeo e nelle Alpi francesi

Se si lascia da parte il caso estremo dell’Islanda, otto dei dieci comuni europei dove la temperatura è aumentata di più si trovano nella Norvegia centrale. Si tratta di paesi con poche migliaia di abitanti, piacevolmente immersi in verdi vallate. Vallate sempre più verdi, in realtà: in ciascuno di questi centri la temperatura media annuale era nettamente sotto lo zero negli anni Sessanta, mentre ora invece vi si trova al di sopra.

European data journalism network

 

Leggi l’articolo completo sul sito dello European Journalism Data Network

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta