Di nuovo a bordoIl Tar reintegra Zeno D’Agostino come presidente del porto di Trieste

L’ha deciso il tribunale del Lazio accogliendo con sentenza un ricorso proposto dallo stesso manager

screenshot

Zeno D’Agostino dovrà essere reintegrato nell’incarico di presidente dell’Autorità portuale del Mare Adriatico orientale. L’ha deciso il Tar del Lazio, accogliendo con sentenza un ricorso proposto dallo stesso manager dopo che l’Anac aveva decretato l’inconferibilità dell’incarico di presidente dell’ente triestino assunto nel 2016.

La vicenda parte con la nomina di D’Agostino quale Presidente dell’AdSP di Trieste con provvedimento del Ministro delle Infrastrutture del novembre 2016. Dall’anno precedente era anche Presidente del CdA di Trieste Terminal Passeggeri (Ttp): cosa questa che portò alla sua destituzione da parte di Anac per “inconferibilità” rispetto ai due incarichi.

Il Tar ha escluso che la norma sull’inconferibilità possa essere applicata estensivamente, confermando così le tesi sostenute dagli avvocati difensori, e ha rilevato che, in ogni caso, non erano stati esercitati «poteri gestori» di D’Agostino in Ttp. Respinta invece la richiesta di danni visto che il manager pubblico è stato reintegrato a poche settimane dal provvedimento.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020