La grafica EurostatLa Svezia è il Paese col minor numero di parrucchieri ed estetisti nell’Unione europea

Sono 1,7 milioni le persone impiegate nei saloni di bellezza, l’86% sono donne. Il Paese con la più alta percentuale di questo tipo di lavoratori è Cipro. L’Italia al settimo posto su 27

Nell’Unione europea 1,7 milioni di persone lavorano come parrucchieri o estetiste: rappresentano lo 0,9% dell’occupazione totale. La maggior parte è formata da donne (86%). Oltre due quinti (42%) di parrucchieri ed estetisti hanno un’età compresa tra i 15 e i 34 anni, seguiti da vicino da quelli tra i 35 e i 49 anni (38%). Gli over 50 rappresentano il 21% degli occupati.

Tra gli Stati membri dell’UE, Cipro ha registrato la più alta percentuale di parrucchieri ed estetisti (2,3% dell’occupazione totale), seguita da Malta e Portogallo (entrambi 1,3%), Irlanda, Grecia, Spagna e Italia (tutti 1,2%). Al contrario, le quote più basse sono state registrate in Lussemburgo e Svezia (entrambi 0,5%), seguite da Belgio, Bulgaria, Danimarca, Estonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Finlandia (tutto 0,7%).

Leggi il rapporto completo sul sito di Eurostat

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta