Dal Senegal al QuirinaleYvette Yanzege, la volontaria della Croce Rossa insignita dell’alta onorificenza

Arrivata in Italia nel 2011, in piena pandemia ha risposto all’appello di Bergamo, dove avevano bisogno di medici e infermieri. Adesso è tra i 57 Cavalieri al Merito della Repubblica nominati dal presidente Sergio Mattarella lo scorso giugno

Yvette Yanzege ha 41 anni e viene dalla Repubblica Democratica del Congo. È tra i 57 Cavaliere al Merito della Repubblica nominati da Mattarella lo scorso giugno. Lei e Marco Buono sono stati gli unici due volontari della Croce Rossa Riccione a rispondere all’appello della Lombardia che chiedeva aiuto.

Dal Senegal al Quirinale

Yvette Yanzege è arrivata in Italia nel 2011, e da 9 anni vive a Rimini. Nel 2010 a Dakar, in Senegal, ha conosciuto il suo futuro marito (italiano). Hanno deciso di sposarsi e un anno dopo lei l’ha raggiunto in Italia. Dopo cinque anni di matrimonio ha ottenuto la cittadinanza. Nel frattempo due figli, le difficoltà lavorative e la necessità di reinventarsi. «In Congo ho lavorato come infermiera fino al 2003. Ho smesso per questioni economiche: lo stipendio era di 200 dollari, lavorando in albergo e in una società di guardie giurate prendevo il doppio». In Italia ha tentato di riprende la strada interrotta, cercando lavoro come infermiera. Come spesso accade, per questioni legate all’inconvertibilità dei titoli universitari, il progetto è stato stroncato in partenza.

Dalla Croce Rossa di Kinshasa a quella di Riccione

Davanti alla strada chiusa per realizzare le sue ambizioni, ha lavorato in albergo, a Miramare, ma i turni massacranti da lavapiatti non erano compatibili con i suoi impegni da madre. Nell’attesa di trovare una sistemazione migliore, per indole e necessità non è rimasta con le mani in mano: «Ero sempre a casa e mi sono messa alla ricerca di attività di volontariato in rete». Nonostante un primo periodo di mancate risposte, la ricerca è continuata, e ha dato i suoi frutti: «La Croce Rossa di Rimini non aveva corsi attivi, e mi hanno rimandato a Riccione. Sono andata, ed è iniziato tutto».

Continua a leggere su Nuove Radici

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta