House of BruxellesI partiti del Parlamento europeo chiedono libere elezioni in Bielorussia: Fratelli d’Italia firma, la Lega no

I leader dei cinque gruppi che rappresentano l'80% degli eurodeputati, hanno pubblicato una dichiarazione congiunta condannando la violenza contro i manifestanti a Minsk, e chiedendo alla Russia di astenersi da qualsiasi influenza. Tra i firmatari anche il candidato di Fdi in Puglia Raffaele Fitto. Mancano solo due eurogruppi all’appello: i sovranisti di Identità e democrazia, di cui fa parte il Carroccio e la sinistra radicale

Afp

Pubblichiamo la dichiarazione congiunta per chiedere nuove e libere elezioni in Bielorussia e condannare fermamente la violenza e la tortura perpetrate contro manifestanti pacifici da parte del regime di Lukashenko. La lettera è stata preparata su iniziativa di Dacian Cioloş, Presidente di Renew Europe e firmata da Manfred Weber, presidente del Partito popolare europeo, Iratxe García Pérez, Presidente dei Socialisti&Democratici, , Ska Keller e Philippe Lamberts, co-presidenti dei Verdi / ALE, Ryszard Legutko e Raffaele Fitto, co-presidenti dei conservatori e riformisti europei. Assent

Applaudiamo il popolo bielorusso per il suo coraggio e la sua determinazione e sosteniamo fortemente il suo desiderio di cambiamento democratico e di libertà.

Le elezioni presidenziali del 9 agosto non sono state né libere né eque, e resoconti credibili indicano una vittoria di Svetlana Tikhanovskaya. Pertanto non riconosciamo Alexander Lukashenko come presidente rieletto della Bielorussia e lo consideriamo una persona non grata nell’Unione europea. Ci uniamo al popolo bielorusso nella richiesta di nuove e libere elezioni, sotto la supervisione di osservatori indipendenti.

Condanniamo fermamente gli arresti e gli spaventosi atti di violenza e tortura perpetrati contro manifestanti pacifici e chiediamo un’indagine completa su questi crimini, che non possono rimanere impuniti. A questo proposito, ricordiamo ad Alexander Lukashenko la sua responsabilità. Condanniamo fermamente la soppressione di Internet e dei media, i blocchi stradali e le intimidazioni dei giornalisti al fine di interrompere il flusso di informazioni sulla situazione nel paese. Chiediamo il rilascio immediato di tutti i detenuti arbitrariamente e dei prigionieri politici che sono stati detenuti prima e durante la campagna elettorale. ,

Accogliamo con favore la decisione dei ministri degli affari esteri dell’UE di inserire nella lista nera tutti i responsabili della violenza e delle elezioni presidenziali falsificate. Chiediamo che l’elenco delle sanzioni venga compilato il prima possibile, in modo che le persone che hanno commesso questi crimini non possano visitare l’UE e i loro beni vengano congelati.

L’Unione europea può e deve fare di più per promuovere la causa della democrazia e della libertà in Bielorussia, anche rafforzando l’assistenza alla società civile bielorussa e cessando immediatamente qualsiasi sostegno finanziario al governo e ai progetti controllati dallo Stato. Suggeriamo il rilancio di programmi di assistenza UE mirati per aiutare le persone represse in Bielorussia e le loro famiglie.

L’Unione europea dovrebbe altresì intraprendere un’azione decisa e inequivocabile rivalutando le sue relazioni con l’attuale regime in Bielorussia, in linea con i valori e i principi dell’UE, e riconsiderare la sua cooperazione con Minsk, anche nell’ambito del partenariato orientale. L’UE dovrebbe preparare una revisione completa della sua politica nei confronti della Bielorussia, tenendo conto dei diversi scenari e sviluppi nel paese, che includa anche un ruolo sostanzialmente accresciuto per l’UE (politicamente, tecnicamente, finanziariamente).

Ci rammarichiamo che l’accesso alla Bielorussia sia stato negato dal regime di Lukashenko a due membri del Parlamento europeo, Petras Auštrevičius e Robert Biedron, che si stavano recando a Minsk a titolo privato per sostenere la popolazione bielorussa. Proponiamo che l’UE nomini un rappresentante speciale per la Bielorussia al fine di sostenere il processo di una transizione pacifica del potere in conformità con la volontà del popolo bielorusso.

Chiediamo alla Federazione Russa di astenersi da qualsiasi interferenza, occulta o palese, in Bielorussia a seguito delle elezioni e chiediamo alle istituzioni dell’UE e agli Stati membri di contrastare vigorosamente qualsiasi azione russa al riguardo.

Chiediamo all’UE di sostenere una transizione pacifica del potere e di avviare un dialogo con l’opposizione bielorussa e la società civile al fine di avviare un nuovo processo elettorale, sotto la supervisione di una nuova Commissione elettorale, un organo di cui ci si può fidare da tutte le parti. È diritto del popolo bielorusso eleggere i propri rappresentanti politici.

Zhyvie Bielorussia! ”

Manfred Weber, presidente del PPE
Iratxe García Pérez, Presidente di S&D
Dacian Cioloş, Presidente di Renew Europe
Ska Keller e Philippe Lamberts, co-presidenti dei Verdi / ALE
Ryszard Legutko e Raffaele Fitto, co-presidenti di ECR

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter