Rimbalzo a VL’industria meccanica europea si riprenderà nel 2021, nonostante l’impatto della pandemia

Seconda una analisi dello European Data Journalism il prossimo anno ci sarà una crescita del Prodotto interno lordo reale anno su anno del 4,8 per cento nel 2021. Pesa il cambio di rotta delle aziende che organizzeranno le proprie catene del valore nel Continente, staccandosi un po’ più dalla Cina

Secondo l’Associazione dell’industria dell’ingegneria meccanica (Vdma) il settore dell’ingegneria meccanica, che comprende principalmente aziende manifatturiere e di automazione, si riprenderà mostrando una crescita del PIL reale anno su anno del 4,8 per cento nel 2021, dopo aver mostrato un calo del 7,1 per cento quest’anno. «Nell’ipotesi che ora l’economia dell’Unione europea organizzerà le proprie catene del valore più a livello regionale e che in alcuni paesi gli investitori potrebbero allontanarsi dalla Cina, l’area economica dell’UE offrirà opportunità di crescita», ha dichiarato a VoxEurop/EDJNet Anke Uhlig del VDMA.

Mentre i primi effetti positivi dovrebbero essere visti nella seconda metà del 2021, VDMA avverte che è importante per i paesi clienti di ingegneria meccanica avere una migliore presa sulle conseguenze della pandemia e sviluppare più fiducia per i nuovi investimenti. Le aziende devono essere principalmente coinvolte nei paesi e nei settori che offrono opportunità di crescita.

Paesi baltici – Lettonia, Lituania ed Estonia dovrebbero mostrare una grande ripresa con una crescita del PIL reale su base annua di circa l’8 per cento nel 2021, dopo aver mostrato un calo simile quest’anno. Seguendo il loro esempio, la Repubblica Ceca e Malta dovrebbero crescere del 7 per cento e oltre. Si prevede che anche i paesi dell’Europa occidentale come Germania, Francia, Spagna e Portogallo mostreranno una crescita del PIL reale compresa tra il 4 e il 5 per cento circa.

Sebbene queste cifre suonino ovviamente ottimistiche, secondo la federazione industriAll Europe la situazione dipenderà dall’entità della seconda ondata della pandemia e dalla questione di come le politiche la affronteranno. «Poiché non sappiamo ancora l’entità di una possibile seconda ondata, le aziende dovrebbero prepararsi e prepararsi per entrambi: un secondo lockdown e un’economia in ripresa con un urgente bisogno di forza lavoro qualificata», ha affermato Isabelle Barthès, vicesegretario generale di industriAll Europe.

Mentre si prevede che il settore si riprenderà nel 2021, i governi che hanno adottato ampie misure di lockdown a causa del Covid-19 quest’anno hanno lasciato segni profondi sulla produzione di macchinari.

«Le aziende si sforzano di mantenere la loro forza lavoro ben addestrata, ad esempio utilizzando misure governative come il lavoro a tempo ridotto. Ma temiamo che non saranno in grado di avere successo e quindi, in media, il numero di persone impiegate nell’ingegneria meccanica potrebbe essere fino al 5 per cento inferiore rispetto al 2019», ha affermato Uhlig sottolineando che queste previsioni sono soggette a una grande incertezza data la natura della pandemia.

Un sondaggio di IG Metall, affiliata tedesca di industriAll, condotto a giugno tra i membri dei comitati aziendali nel settore dell’ingegneria meccanica, indica che il 12 per cento delle aziende del settore prevede di ridurre le dimensioni. Oltre il 40 per cento delle aziende ha già disdetto i lavoratori interinali e il 37 per cento ha deciso di non prolungare i contratti di lavoro a tempo determinato. Si tratta di un aumento significativo rispetto a un precedente sondaggio condotto ad aprile che mostrava le rispettive cifre all’8, 37 e 33 per cento.

«Siamo preoccupati che le aziende del settore stiano attualmente compromettendo la loro forza lavoro qualificata per risparmi di breve durata e con ciò rischiano una carenza di lavoratori qualificati che si profila già da anni», ha detto un portavoce di industriAll.

Andando avanti, il VDMA ha una visione più positiva della situazione in quanto ritiene che «le crisi sono opportunità perché agiscono da catalizzatore e accelerano gli sviluppi». «Le aziende all’interno e intorno al settore dell’ingegneria meccanica devono guardare avanti e trasformare il proprio business. Per continuare ad essere redditizia come azienda, potrebbe essere necessario portare avanti l’automazione della produzione e andare avanti con l’industria 4.0», ha affermato Uhlig.

Il VDMA, tuttavia, ha alcune richieste per garantire la crescita di questo settore. Uhlig ha affermato che «La pandemia Covid-19 dovrebbe essere contrastata con un’iniziativa europea per la solidarietà, la stabilità e la garanzia del futuro. Ripristinare il mercato interno dell’UE, porre fine alle discussioni sulla rilevanza sistemica o sottoporre a revisione le misure onerose pianificate sono alcune delle nostre richieste principali».

Mentre VDMA richiede garanzie dal governo, industriAll ritiene che sia importante per le industrie non annullare i lavoratori a contratto. «Da anni, la minaccia incombente della carenza di lavoratori qualificati è dilagante nel settore. Annullare i lavoratori a contratto e licenziare i lavoratori ora è esattamente il segnale sbagliato a questo proposito». Il portavoce di industriAll ha affermato: «Ciò minaccia l’esistenza di una forza lavoro qualificata nel suo insieme e quindi il futuro del settore in Europa. Le aziende avranno bisogno dei loro lavoratori per soddisfare le esigenze dell’economia in ripresa».

La VDMA ritiene che la crescita nel settore dell’ingegneria meccanica possa offrire una crescita sostenibile ai propri clienti e all’intera economia europea. Mentre l’industria dell’ingegneria meccanica cresce e automatizza i posti di lavoro attraverso macchine che i lavoratori hanno contribuito a costruire, industriAll ritiene che per una crescita inclusiva sia importante che le aziende investano nella loro forza lavoro esistente.

Il portavoce di industriAll ha dichiarato: «Molte aziende non dispongono di una pianificazione delle risorse umane qualificata e orientata al futuro. Anche se c’è una carenza di lavoratori qualificati nel settore, molte aziende ancora non investono nel miglioramento e nella riqualificazione della loro forza lavoro esistente per adattarsi alle nuove tecnologie e sfide. L’evoluzione dell’economia è adesso e le aziende dovrebbero essere ansiose di non perdere il treno. Ciò potrebbe certamente significare che alcuni dei compiti attualmente esistenti per gli esseri umani saranno svolti dalle macchine nel prossimo futuro. Ma questo significherà anche che ci saranno nuovi compiti per l’essere umano che richiederanno nuove abilità e competenze».

Articolo originariamente dallo European data journalism network

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta