Gli avvocaticchi del popoloL’Italia ci è ricascata, ma Conte e i suoi negano ogni responsabilità

Il presidente del Consiglio e i ministri si arroccano nel giustificazionismo in un momento in cui invece servirebbe coraggio intellettuale per fronteggiare la pandemia senza riserve

Il governo è malato di negazionismo. Non quello dei pazzoidi che sostengono che il virus non esista ma quello tutto politicista di chi si rifiuta di ammettere gli errori, innalzando la propaganda al di sopra della realtà con un atteggiamento di superbia («l’insolenza dei superbi», dice Amleto nel famoso monologo) che offende chi guarda la realtà così com’è e non come la si vorrebbe imbellettare.

E Giuseppe Conte forse non è nemmeno il più superbo, anche se certamente spetterebbe in primo luogo a lui parlare agli italiani il linguaggio della verità, dato che ci sono ministri che davvero paiono intrappolati nella loro propaganda. Ma ecco un esempio della sua reticenza: «La politica, e questo va soprattutto per chi è al governo, deve saper dar conto ai cittadini delle proprie scelte e assumersi la responsabilità delle proprie azioni», ha scritto il presidente del Consiglio sul suo giornale personale che si chiama Il Fatto Quotidiano, dimenticando di far cenno alle proprie non azioni, alle proprie non scelte: queste non vanno ricordate ai cittadini, no?

Ci fosse dunque uno della squadra denominata Conte 2 che abbia il coraggio intellettuale di dire: vero, abbiamo perso quattro mesi, non abbiamo rafforzato le misure anti-Covid, abbiamo fatto poco o nulla per la sanità, per alleviare il trasporto pubblico, per agevolare la didattica a distanza, per sostenere i soggetti socialmente più deboli eccetera eccetera; ma ora che abbiamo chiari quali sono stati i nostri errori, siamo pronti a raddoppiare gli sforzi, e per questo chiediamo a tutti di darci una mano e agli italiani di stringersi in questa battaglia cruciale. Niente, silenzio di tomba.

In tutte le comparsate televisive, in tutte le burocratiche informative in Parlamento, l’avvocato del popolo si fa avvocaticchio di paese, quello che si arrovella sui commi per cercare una pezza d’appoggio alle sue bugie. Mai ammettere, mai cedere. È una forma obliqua di negazionismo: errori, quali errori? Senza rendersi conto non solo che l’umiltà dei potenti è spesso la loro forza ma che gli italiani non ti perdoneranno altre frottole e nemmeno crederanno a ciò che gli dici perché, finora, non l’hai raccontata giusta. Che miopia.

Ecco, in questo senso mercoledì la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dato a Conte una lezione intellettuale e di stile che in teoria dovrebbe averlo umiliato (ma figuriamoci): «Le misure sono state allentate troppo presto, ecco perché c’è la seconda ondata che non sappiamo neppure se sarà l’ultima». Parole secche, parole vere. Le hanno mai pronunciate Conte, Speranza, Boccia, Provenzano e gli altri? Ecco squadernata la differenza fra una leader vera e dei politicanti. Questi ultimi quando gli fai notare che si è perso tempo prezioso per far fronte a una seconda ondata prevista da tutti, ti rispondono come ha risposto Peppe Provenzano, che pure non è un politicante, a Annalisa Cuzzocrea di Repubblica: «Ci possono essere stati limiti o errori, ma non c’è stato giorno in cui non abbiamo lavorato per affrontare l’emergenza sanitaria, economica e sociale».

Generico, autoassolutorio. O come Paola De Micheli che in tutte le trasmissioni va a sostenere l’insostenibile, e cioè che sugli autobus non ci sono assembramenti (contraddetta ieri dal presidente del Consiglio); o come Luigi Di Maio che ad Avvenire ha detto che «la seconda ondata ci ha colto più preparati»; o come Dario Franceschini, che s’indigna via Facebook con chi protesta evitando di far cenno agli errori e ai ritardi.

L’assenza di autocritica è tipica dei despoti, degli autocrati, dei reazionari, di chi pensa di farla franca. Nei momenti in cui la politica deve elevarsi all’altezza della gravità dei problemi, il negazionismo contiano evoca invece l’immagine del fuoco del Covid che si appicca al falò delle vanità e delle bugie. Davvero, l’ultima cosa di cui c’è bisogno, la superbia del bugiardo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia