Uomo, bianco, eteroL’ipocrisia dei socialmente presentabili che ridono di Giuliani col mascara colato

L’avvocato di Trump è lo zimbello dell’internet dopo una conferenza stampa nel corso della quale due rivoli neri del cosmetico gli hanno macchiato le guance. Se l’ondata di sbeffeggiamenti fosse stata rivolta a una donna avrebbe dato origine a settimane di scandalo e di accuse di maschilismo

Lapresse

In primavera ho comprato un mascara per i capelli. L’ho fatto per due ragioni.

La prima era che i parrucchieri erano chiusi (era la prima clausura da virus, quella seria) e temevo che la ricrescita dei capelli bianchi m’avrebbe presto infastidita.

La seconda era che stavo scrivendo un personaggio (maschile) con la nevrosi dei capelli bianchi e volevo fargli tenere quest’attrezzo in tasca per ritoccarsi continuamente, ovunque si trovasse. In una specie di metodo Strasberg della scrittura, volevo vedere da vicino come fosse fatto quest’arnese che gli stavo facendo utilizzare, e che avevo visto solo al cinema (quarant’anni fa, Ugo Tognazzi si ritoccava le tempie con una versione primitiva dei mascara da ricrescita in vendita ora, in un film intitolato La terrazza).

In una scena, il mio personaggio scappava sotto il sole da una situazione imbarazzante, e il mascara iniziava a colargli sulle tempie. Era un personaggio comico.

Una volta la vita imitava la televisione – quella già andata in onda – adesso imita scene che ancora stanno sul mio desktop, e quindi giovedì Rudolph Giuliani era lo zimbello dell’internet americana, zeppa di editorialisti, sceneggiatori, autori televisivi che pubblicavano fotografie di schermi nei quali andava in onda l’impietosa conferenza stampa nel corso della quale Rudy, neanche fosse Holly Golightly che molla il gatto sotto la pioggia, ha due rivoli neri sulle guance. La descrizione perfetta stava sempre nella Terrazza. «Ormai siamo tutti così: personaggi drammatici che si manifestano solo comicamente».

Giacché il New York Times ci delude sempre più spesso ma resta un grande giornale, ha fatto quel che fanno i grandi giornali: trattare seriamente le stronzate (invece di farci una gallery di tweet spiritosi).

E quindi già giovedì notte potevo leggere un approfondito reportage in cui esperti professionisti (d’una professione seria: parrucchieri, mica epidemiologi) dicevano che no, ciò che era stato scritto in rete era errato, era impossibile che quella che colava fosse tintura, la tintura può colare solo mentre la tieni in posa, mica dopo che è stata fissata ai capelli: quello, signori miei, era mascara. L’Ugo Tognazzi che possiamo permetterci.

Poiché Rudolph Giuliani è un uomo ed è pure di destra, al suo mascara colato sono stati riservati sbeffeggiamenti che, se rivolti a una donna, avrebbero dato origine a settimane di scandalo, di grida al maschilismo, di contriti editoriali che stigmatizzano la becera superficialità degli osservatori, e tutta la dispensa di croccantini di Pavlov che potete immaginare senza il mio aiuto.

Naturalmente quel che fisiologico accada è quel che è successo di fronte a Giuliani col mascara colato, non quello che accadrebbe se un’ipotetica donna avesse una calza smagliata o un bottone aperto o chissà quale altro imprevisto estetico.

In questo secondo ipotetico caso faremmo finta di niente, o commenteremmo solo in chat private, per non farci lapidare dalle accuse pavloviane sopra elencate. Ma per farlo, per tacere e far finta di niente, dovremmo operare un’ingombrante finzione: dovremmo far finta che la tv non fosse immagine.

Che, se parli di brogli elettorali e il mascara ti cola in faccia, tu non sia innanzitutto uno (o una) col mascara colato.

Che qualcuno sia in grado di ascoltare quel che dice una persona inquadrata nella cui inquadratura ci sia un dettaglio distraente.

Ricorderete che era successa la stessa cosa coi dibattiti elettorali: in quello tra i vicepresidenti, nessuno aveva ascoltato cosa dicesse Mike Pence, giacché una mosca gli si era posata addosso. Nessuno parlava delle sue dichiarazioni, tutti parlavano della mosca. Com’era ovvio, fisiologico, e come la stupidità dell’attuale perbenismo rende possibile solo quando il parlante è uomo. Gli unici cui è rimasta l’immagine: noialtre siamo puro spirito.

È anche comodo, intendiamoci. Io, per dire, di quel mascara comprato in primavera non ho mai aperto la confezione. Ho pensato che tanto non uscivo, difficilmente mi sarei rimirata allo specchio, se dovevo avere conversazioni di lavoro le facevo antiquatamente al telefono invece che su Zoom, e insomma perché incomodarmi a tingermi le tempie.

Se Rudolph Giuliani fosse stato privilegiato come me, se fosse stato puro spirito come me, se fosse stato della metà della popolazione della quale nessuno s’azzarda a commentare l’estetica per non sembrare insensibile alle istanze femministe e perbeniste, se Rudy Giuliani fosse stato così fortunato da potersene fottere dei capelli bianchi, ora non sarebbe uno di cui tutti ricordano le guance segnate dal mascara che colava.

Invece, poverino, appartiene alla fascia di popolazione che più impunemente si può sbeffeggiare: il maschio di destra. Pure bianco. Pure etero. La prossima volta invece del mascara gli conviene comprare un kajal, e usarlo per disegnarsi un bersaglio addosso. Le freccette le portiamo noi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia