Decent patriarcato Trump è stato vincente perché troppi uomini ridevano di lui, ma in realtà temevano il maschio alfa dentro loro

La rottura emotiva che potrebbe fargli perdere la Casa Bianca è stata agevolata dai video degli ex repubblicani del Lincoln Project, tutti football, bistecche e testosterone

Foto di Rogier Hoekstra da Pixabay

Per anni non si è potuto battere Donald Trump perché troppi uomini avevano paura del Trump in loro. Anche i non trumpiani, i progressisti, i colti, i giovani. Ridevano di lui, ma erano intimoriti da ricordi di violenze a ricreazione. Lo disprezzavano, ed erano segretamente soggiogati da quella sfrontata caricatura di bullo ricco anni Settanta (età d’oro della mascolinità tossica). È per questo – anche – che Trump è stato eletto.

Nel 2016 era una specie di Golem dei maschi bianchi preoccupati, o paranoici, o consapevoli della progressiva perdita di potere. E il suo trucido carisma ha continuato a rendere insicuri i giovani maschi progressisti colti di cui sopra. Ci hanno creduto, incredibilmente, anche loro, fino al dibattito di Cleveland e alle sceneggiate del Covid e alle twittate da paziente agitato sotto steroidi.

Episodio significativo: finito il dibattito, nel suo podcast Five Thirty Eight, Nate Silver chiede ai suoi data journalists chi avesse vinto. Il secondo giovane maschio più importante del podcast dice «Trump», assecondato dai colleghi. L’unica donna, Clare Malone, dice «guardate che ha vinto Biden», gli altri si convincono solo con gli instant polls.

La rottura emotiva dei maschi col presidente bullo è stata aiutata dagli ex repubblicanoni alfa del Lincoln Project, strateghi politici che producono i più efficaci e testosteronici spot anti Trump. Veterani dei Bush, di John McCain, di Rudy Giuliani, con curriculum di football e bistecche, giudici conservatori e Sarah Palin, sono ora tutti insieme in una località segreta insieme a dei giovani videomaker. Loro e altri come loro hanno rassicurato a sinistra e nel centrodestra non truce (e se vincerà, Biden proporrà il Decent Patriarcato, una cosa come il compassionate conservatism di Bush secondo).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia