L’alba dei nuovi dementiIl vaccino potrà salvarci dal Covid, ma non da noi stessi

Chi avrebbe immaginato che per rivendicare il diritto allo shopping natalizio avremmo assaltato le fermate della metropolitana di Loreto a Milano scavalcando i tornelli come zombie di un B-movie mentre ogni giorno muoiono mille persone

Pixabay

Eravamo già degli zombie assetati di sangue che miracolosamente mantenevano una parvenza, solo una parvenza, di capacità di convivere civilmente con le regole oppure ci hanno trasformati il virus e soprattutto la dolorosa incapacità della nostra classe politica? Sì; è un tema da uovo e gallina, ma non si può non chiederci una volta di più chi, o cosa siamo diventati.

Il breve video dell’assalto alla metropolitana di Milano, fino a ieri la città italiana più europea, tra le più ricche, prospere e civili del paese, ci convince che nessuno è salvo.

Questi brevissimi video vanno infatti guardati con attenzione; solo così rivelano l’essenza degli attori in scena e la drammaticità del contesto e permettono di provare a capire cosa spinga a scavalcare di forza le barriere della metropolitana, barriere chiuse perché c’è una pandemia. Decine di migliaia di morti, nel nostro paese. Ripeto: una pandemia, non uno sciopero dei mezzi. Guardiamoli questi nostri simili, senza giudizio, senza cercare in loro la prova della colpevolezza, ma semplicemente la qualità del loro essere umani.

Siamo alla fermata di Loreto, importante crocevia delle linee della metropolitana milanese e hub che dalla periferia porta al centro della città. L’inquadratura guarda alle barriere di plexiglass poste accanto ai tornelli, quelli che servono ad accedere alle gallerie dei treni e messi appositamente per costringerci a pagare il biglietto. Insomma, sono sempre stati lì.

L’eccitazione è palpabile, alcuni machos scavalcano in due mosse, dopo aver appunto lanciato oggetti voluminosi al di là delle barriere, raccolte dalle precise mani delle loro compagne. Sembra una scena di guerriglia se non fosse, appunto, per le grida festanti, quasi come se stessero aprendo un varco nel muro di Berlino. In primo piano le grasse risate della donna che riprende la scena.

L’audio è quella di una scena incongruamente festante: sghignazzi, curiosi che osservano la folla che scavalca le barriere, lanciandosi da una parte all’altra delle stesse gli acquisti natalizi – acquisti che sono stati permessi dal governo, con la scellerata apertura di queste settimane. Ma, in quanto consapevolmente scellerata, si è poi cercato di contenerne il prevedibile e incontrollabile esito: affollamento degli shopping center, delle vie del centro e di tutti i mezzi che a essi portano. E condire il tutto con reprimende e la solita minaccia sulle nuove strette un minuto dopo le larghe.

 

Il vaccino potrà salvarci dal Covid ma non da noi stessi. Non si parla mai abbastanza di quanto siamo stati fortunati. Il Covid è un virus tutto sommato gestibile, se guardiamo alla storia e alla specie umana. Immaginate cosa sarebbe accaduto se fosse stato un virus sempre sintomatico; se fosse stato un virus più pericoloso, con un tasso di mortalità più alto; se avesse colpito anche i bambini. Come avremmo fatto?

Siamo solo in attesa che una prova più dura distrugga tutto quello che, con i noti limiti, abbiamo costruito in milioni di anni di evoluzione e almeno diecimila di inarrestabile progresso, culminato negli ultimi due secoli, con l’incredibile miglioramento delle condizioni di vita di buona parte dell’umanità e la davvero strabiliante accelerazione del progresso scientifico?

Che tanto ci sia ancora da fare è fuori di dubbio e lo confermano queste scene. Il regresso non è apparenza, congiuntura o eccezione; è manifesta, spietata e inesorabile epifania di una società che non ha sviluppato anticorpi ne prodotto vaccini contro l’individualismo sfrenato, l’egoismo brullo e senza rimedio che anima la bravata autoaffermatrice degli assaltatori.

Chi di voi avrebbe immaginato che per rivendicare il diritto allo shopping natalizio – diritto accordatogli dal governo, ripetiamolo sempre che giova – avremmo assaltato le fermate della metropolitana, come zombie di un B-movie mentre ogni giorno muoiono mille persone e la notizia, recente, che era dal 1944, Seconda Guerra Mondiale, che non morivano così tanti italiani in un anno?

È il capitalismo, bellezza. O quel che ne rimane.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia