Vocazione illogicaIl Pd è pronto a votare con le regole che giudicava pericolose per la democrazia

Zingaretti spiega che in caso di crisi si andrà alle elezioni anticipate e Franceschini rilancia Conte come leader della coalizione tra democratici e Movimento Cinque Stelle. Proprio così: dopo la riforma della Costituzione, senza nuova legge elettorale e in piena pandemia

pixabay

Dicono Nicola Zingaretti e Dario Franceschini che in caso di crisi si andrà alle elezioni anticipate, elezioni a cui il Partito democratico si presenterà alleato al Movimento 5 stelle, con Giuseppe Conte come leader della coalizione, e dunque, di fatto, candidato a Palazzo Chigi (a dire la verità, quest’ultimo dettaglio appare solo nelle parole di Franceschini). Lasciate perdere la pandemia, il fatto che giusto due giorni fa è arrivata in Italia pure la famigerata variante inglese o il fatto che in molte regioni già si cominci a mettere le mani avanti sulla riapertura delle scuole a gennaio.

Accantonate i fatti e sospendete per un momento il principio di realtà. Prima di esprimere valutazioni personali, e come tali opinabili, ricapitoliamo brevemente insieme le valutazioni e le argomentazioni avanzate dagli stessi dirigenti del Partito democratico – ripeto a scanso di equivoci: da loro, non da me – a giustificazione delle scelte compiute sin qui. Mi pare si possano riassumere in tre passaggi fondamentali.

Punto uno. A settembre 2019 il Partito democratico promuove la formazione del secondo governo Conte per non consegnare i «pieni poteri» a Matteo Salvini, nella convinzione che questo sarebbe stato l’esito di un voto anticipato, a causa della legge elettorale e dell’equilibrio delle forze in campo.

Punto due. Nel corso del 2020 il Partito democratico accetta di votare in parlamento e poi anche nel referendum a favore di una riforma della Costituzione che gli stessi dirigenti del Partito democratico definiscono pericolosa per la democrazia, se non accompagnata da opportuni correttivi, a cominciare da una diversa legge elettorale, perché di fatto consegnerebbe al vincitore, ben più di prima, proprio quei famosi «pieni poteri» per evitare i quali si era deciso di formare il secondo governo Conte.

Punto tre. Dinanzi al rischio di caduta del governo Conte, il Partito democratico si dice determinato ad andare al voto anticipato, con l’attuale legge elettorale e tutte le condizioni che a suo dire, fino a ieri, rappresentavano un pericolo per la democrazia.

A questo punto, le opinioni e le valutazioni personali potete aggiungerle voi. Io sono troppo depresso. Se poi rientriamo in noi stessi e torniamo a fare uso del principio di realtà, dobbiamo aggiungere che siamo nel pieno di una pandemia e in vista di una terza ondata coi fiocchi, che il balzo nei contagi della seconda ondata è avvenuto giusto a quindici/venti giorni dalla scelta di portare tutti gli italiani a votare per il fondamentale referendum sul taglio dei parlamentari voluto dai grillini, che per quanto riguarda le comunali romane – dove il Partito democratico non sa che pesci pigliare – ecco che sui giornali comincia a filtrare l’idea che proprio lì no, un momento, siamo nel pieno di una pandemia, è probabile che bisognerà rinviare il voto. Se li prendessimo sul serio, insomma, dovremmo concluderne che a causa della pandemia si può votare in tutta Italia per le politiche, ma non per le comunali a Roma.

Come dite? Che è ovvio che non vanno presi sul serio? Non sono d’accordo. Non perché non pensi anche io che buona parte dei dirigenti del Partito democratico in realtà non creda a una parola di quel che dice, ma perché penso che a volte, perlomeno quando si parla di pericoli per la democrazia e simili bazzecole, pure quel che si è disposti a dire abbia un peso.

Nel frattempo, come ogni due o tre anni da trent’anni a questa parte, è ripartito il dibattito sul nuovo grande partito unitario della sinistra, che i promotori di tutte le scissioni e di tutti i partiti unitari precedenti vorrebbero rilanciare. Adesso dicono che ci vorrebbe pure un’ideologia. Come da tanto disprezzo per le idee e anche per la logica si possa pensare di produrre addirittura un’ideologia resta però un mistero.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta ForecastCompra il super magazine Linkiesta Forecast + New York Times

Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, può essere ordinato qui.

Duecentoquaranta pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid.

Con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times.

Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, a Greenkiesta, ma reso ancora più eccezionale dalla partecipazione del New York Times, in esclusiva per l’Italia.

Lo spediremo con posta tracciata (al costo di 5 euro per l’invio), ma si trova anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti d’Italia.

10 a copia