Sindrome da Grande FratelloIl prezzo pagato da Conte e Di Maio per la liberazione dei 18 pescatori

Le trattative si fanno in segreto, Se il premier e il ministro degli Esteri fanno la parata sul suolo libico devono dire che cosa hanno dato in cambio ai sequestratori. La differenza tra il nostro governo e la diplomazia di un Paese serio è proprio il modo in cui vengono risolte le crisi: usando tatto, discrezione e silenzi. Non post su Facebook

Angelo Carconi/LaPresse/POOL

Giuseppe Conte e Luigi di Maio quanto e cosa hanno “pagato” al generale Khalifa Haftar per ottenere la liberazione dei pescatori di Mazara del Vallo? In preda ad una grottesca e risibile sindrome da Grande Fratello i nostri due non si rendono conto che la domanda non si sarebbe posta con rilievo se si fossero comportati da statisti: l’Aise e la Farnesina trattano e contrattano, danno qualcosa e i pescatori ritornano coperti da una opportuna diplomatica coltre di silenzio.

Ma se un capo di governo e un ministro degli Esteri si comportano come Totò le Moko, nello scandalo di tutte le cancellerie del mondo che giudicano che così facendo hanno premiato i sequestratori di uno scabrosissimo omaggio, e fanno una parata mediatica sul suolo libico, non possono pensare più di gabbarci. Non possono farci credere che l’unica contropartita è stato un loro banale incontro con Khalifa Haftar per dirgli che l’Italia è a favore di una soluzione equilibrata della crisi libica (uffaaa!).

Tutto qui? Haftar da 107 giorni urla e strepita che il prezzo per la restituzione dei nostri pescatori è che l’Italia gli restituisca i “quattro calciatori” libici che in realtà sono quattro trafficanti di carne umana regolarmente condannati da un tribunale italiano con pesanti accuse e pene. Che ne è stato di questa fermissima sua richiesta? Haftar l’ha abbandonata? Ha liberato i pescatori in cambio di nulla, di un incontro inutile con Conte e Di Maio? Ha avuto altre contropartite?

La differenza tra il Grande Fratello imbastito a Bengasi da Conte e Di Maio e la diplomazia di un paese serio è tutta qui. Al Gf devi fare vedere e dire tutto, anche gli accordi più scabrosi tra i partecipanti. Una nazione seria, invece risolve le crisi con tatto, discrezione, silenzi. Senza parate. E senza il sospetto che i “quattro calciatori” di Haftar non gli verranno restituiti da qui a poco, magari tramite una revisione del loro processo. Honny soit qui mal y pense.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia