Pro e controI rischi e le opportunità della democrazia da remoto in Europa

A causa della pandemia negli ultimi mesi lo spazio per la deliberazione nei principali Stati membri è stato notevolmente ridotto. Tuttavia, le nuove tecnologie possono fornire un'importante opportunità per migliorarne l'efficienza delle istituzioni come dimostrato sia dal Parlamento europeo che da quello spagnolo

LaPresse

Pubblicato originariamente sullo European data journalism network

La crisi sanitaria causata dal Covid-19 ha costretto i paesi di tutto il mondo a imporre misure straordinarie. Molte di queste misure comportano la limitazione di alcuni diritti civili fondamentali, come la libertà di movimento e di associazione. La necessità di affrontare rapidamente la pandemia ha anche posto un notevole potere nelle mani di un piccolo numero di persone, con i governi che assumono il ruolo di guida.

Allo stesso tempo, l’attività parlamentare è diminuita drasticamente, non solo per il tempo necessario per risolvere tali sfide democratiche, ma anche per garantire la sicurezza dei politici. Questa situazione ha solo esacerbato una tendenza già in atto in Europa, ovvero l’assoluta centralità dei governi, con i parlamenti relegati a un ruolo secondario.

Una tale tendenza rappresenta un grave pericolo per la democrazia, che potrebbe emergere molto più debole dall’attuale crisi. Tuttavia, le nuove tecnologie possono fornire un’importante opportunità, non solo per garantire il funzionamento continuo delle istituzioni democratiche, ma anche per migliorarne l’efficienza, come dimostrato sia dal Parlamento europeo che da quello spagnolo.

Nella maggior parte dei casi misure straordinarie hanno portato ad attivare un quadro normativo che ha rafforzato il potere dei governi. Di seguito, proviamo a capire come alcuni dei più grandi Stati membri dell’UE – Francia, Germania, Spagna e Italia – abbiano risposto a questa crisi sotto questo aspetto.

In Italia il 31 gennaio 2020 lo stato di emergenza è stato dichiarato. Questo non è stato determinato dalla Costituzione, ma piuttosto dalla legge ordinaria. È stato quindi necessario emanare un gran numero di leggi per consentire a varie parti di gestire la pandemia nel modo più efficiente possibile.

Mentre abbiamo già analizzato alcune delle questioni cruciali a questo proposito, dobbiamo ricordare che in queste condizioni un potere significativo è concentrato nelle mani del governo, allentando i vincoli in termini di trasparenza e responsabilità.

In effetti, molte delle misure adottate, comprese quelle che limitano le libertà civili, non sono passate per il Parlamento, poiché erano contenute in atti amministrativi piuttosto che in leggi. Degli oltre 400 atti finora emanati in risposta alla crisi in Italia, solo 12 di essi (meno del 3 per cento) hanno coinvolto direttamente il Parlamento.

Al contrario, condizioni simili sono regolate dalla costituzione in Spagna e la Francia. In entrambi i paesi si è deciso di adottare le misure meno restrittive possibili. In Spagna, la cui Costituzione prevede tre diverse tipologie di emergenza, si è deciso di adottare quella meno rigida, ovvero lo stato di allerta. Questo è stato sospeso il 21 giugno ma, con la seconda ondata, è stato riapplicato fino al 9 maggio 2021.

In Francia si è deciso di non emanare quanto previsto dalla Costituzione, perché ritenuto troppo restrittivo sulle libertà civili. Invece il governo ha emanato uno stato di emergenza sanitaria pubblica, che rimarrà in vigore almeno fino al 16 febbraio 2021.

Contrariamente ai paesi sopra citati, la Germania ha deciso di non dichiarare lo stato di emergenza a livello nazionale, anche se questo era previsto dalla Costituzione. Questo perché l’adozione di tali misure è sempre una questione controversa in Germania. Si è quindi deciso di agire in conformità con la legge contro le epidemie, approvato nel 2001, grazie al quale il governo può imporre misure come l’allontanamento sociale e la cancellazione di eventi pubblici.

Tuttavia, dobbiamo ricordare che la Germania è uno Stato federale in cui 16 Länder occupano un ruolo di governo. Ogni misura che riguardi l’intero territorio nazionale deve quindi essere concordata a entrambi i livelli di governo. Ciò ha obbligato il governo centrale a cercare compromessi. Anche per questo motivo il nuovo lockdown richiesta dalla cancelliera Angela Merkel ha dovuto ricevere il via libera dai governatori. La decisione, in ogni caso, è stata pressoché inevitabile dopo che le misure adottate nel novembre 2020, più morbide delle richieste più dure del cancelliere – proprio per volontà dei governatori – si sono rivelate inefficaci.

Come hanno gestito la crisi il Parlamento italiano, francese e tedesco
Come abbiamo detto, negli ultimi mesi le prerogative parlamentari sono state notevolmente ridotte. Tuttavia, garantire il funzionamento continuo del Parlamento è ovviamente estremamente importante. Non solo perché è il principale organo di rappresentanza del Paese, ma anche perché, in quanto elemento cardine del governo democratico, rappresenta una condizione fondamentale di legalità, trasparenza e protezione civile. Ma quanto erano preparati i parlamenti europei a rispondere alle crisi sanitarie?

In Italia il coronavirus ha colpito per la prima volta il Parlamento il 4 marzo quando un deputato della zona rossa di Codogno ha chiesto di partecipare a distanza in Parlamento. Questa richiesta è stata immediatamente respinta, in base all’articolo 64 della Costituzione che – se interpretato alla lettera – richiede la presenza fisica dei parlamentari.

Così è stato deciso riprogrammare le sedute ad eccezione dei progetti urgenti che non potevano essere rinviati (come il rinnovo dei decreti in scadenza), le consultazioni e le convocazioni.

È stato inoltre raggiunto un accordo informale che controlla la riduzione del 55 per cento della capacità massima della Camera del Parlamento. Tuttavia, questo accordo è stato rispettato solo durante la fase più acuta della crisi. La votazione è stata quindi eseguita per appello nominale su un calendario scaglionato. Inoltre, le sessioni parlamentari hanno lasciato molto tempo per frequenti pause per la ventilazione e l’igiene.

Finalmente nuove location sono stati istituiti per consentire al Parlamento di partecipare alle sessioni mentre pratica l’allontanamento sociale. L’unico caso in cui il parlamento italiano ha consentito la partecipazione a distanza è stato per le audizioni informali delle commissioni (quindi, senza responsabilità).

Come per l’Italia, anche Francia e Germania hanno rifiutato la possibilità del voto a distanza, sebbene le strade intraprese per garantire il funzionamento continuo del Parlamento fossero diverse.

Un elemento caratteristico dell’esperienza francese è stato il voto per delega. Con un’ampia interpretazione di uno strumento contenuto nell’articolo 62 , si è deciso di limitare l’accesso alla casa a soli tre membri per ogni gruppo parlamentare: il leader e altri due deputati.

Questa decisione ha conferito un potere significativo a una ristretta cerchia di parlamentari. Sebbene siano state stabilite alcune garanzie (ad esempio, i deputati possono esprimere il loro disaccordo con le decisioni prese), la presenza dei rappresentanti è stata chiaramente ridotta in modo significativo. Basti pensare al caso del partito di Emmanuel Macron – La République en Marche – dove solo tre deputati rappresentavano il 47 per cento dei voti.

A questo bisogna aggiungere che il governo francese ha spesso fatto affidamento su una procedura accelerata che consente una lettura per ogni seduta di un disegno di legge e, in assenza di accordo, la formazione di una commissione speciale per raggiungere un progetto comune. È quanto è avvenuto con la legge 2020-734 , che ha stabilito misure urgenti per affrontare la crisi sanitaria.

In Germania il legalmente richiesto il numero dei rappresentanti è stato ridotto di un quarto sia nelle assemblee che nelle commissioni. Parallelamente è stato aumentato il numero delle urne per i voti disponibili in varie zone della Camera, mentre è stato anche assegnato più tempo alle votazioni. Il voto a distanza era consentito solo per i comitati e solo come ultima risorsa.

Queste due soluzioni, come abbiamo visto, sollevano questioni cruciali: in entrambi i casi le decisioni sono delegate da un numero ristretto di rappresentanti. Tali soluzioni non potevano essere adottate in Italia a causa della Costituzione che richiedeva che i voti fossero individuali , e che le decisioni siano prese alla presenza della maggioranza dei rappresentanti .

Votazione a distanza nei parlamenti europeo e spagnolo
Vediamo ora due casi in cui le nuove tecnologie sono state utilizzate a pieno vantaggio. Nel marzo 2020 il parlamento spagnolo ha consentito il voto a distanza grazie a un’ampia interpretazione dell’articolo 82 , che prevedeva questa possibilità in caso di malattia grave. Su questa base, il 25 marzo 2020 le assemblee e le commissioni, le conferenze dei capigruppo e tutte le attività che coinvolgono la governance tecnica e politica sono state svolte a distanza.Per garantire la validità del voto, la legge prevede che prima dell’inizio della seduta il presidente o un membro del proprio ufficio sia informato telefonicamente delle intenzioni di voto dei deputati, mentre i deputati devono anche firmare digitalmente le loro schede. Quando la crisi si è placata durante i mesi estivi, alcuni deputati sono tornati alla Camera del Parlamento, ma molti altri hanno preferito continuare a votare a distanza. Più di 600 voti sono stati raccolti con questo metodo tra marzo e novembre, con punte di oltre 200 al mese a luglio e novembre.

Nello stesso periodo il Parlamento europeo ha scelto di continuare il proprio lavoro a distanza. Ciò è dovuto anche alla difficoltà di far venire a Bruxelles e Strasburgo rappresentanti di vari paesi europei. Quindi, dal 26 marzo 2020 in seguito, le sessioni si sono svolte in streaming, consentendo ai deputati di partecipare e votare a distanza.

Uno dei principali pericoli legati al voto a distanza è il rischio di manomissioni. Per questo, come nel caso del Parlamento spagnolo, è stato adottato un protocollo rigoroso: al loro indirizzo di posta ufficiale i deputati ricevono una scheda elettorale che deve essere compilata, firmata e inviata alla Camera del Parlamento. Vengono conteggiati solo i voti che soddisfano questi requisiti. Questa soluzione ha consentito al Parlamento europeo di esprimere un totale di 4.378 voti tra marzo e novembre 2020.

Il caso Lamorgese
Il caso dei parlamenti spagnolo ed europeo ci mostra che le nuove tecnologie possono contribuire al miglioramento dei sistemi democratici occidentali.

Un altro esempio concreto arriva dall’Italia. Il 7 dicembre 2020, durante una seduta di gabinetto, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese si è accorto di essere risultato positivo al Covid-19. Successivamente, Lamorgese ha scoperto che si trattava in realtà di un “ falso positivo ”, Ma questo non ha impedito ripercussioni per il Parlamento. In primo luogo, le riunioni sono state sospese e due importanti membri del governo sono stati costretti ad autoisolarsi: il ministro degli Affari Esteri Luigi di Maio e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

Nella misura in cui un test positivo per Covid-19 non comporta necessariamente la completa paralisi del governo, rappresenta un ulteriore ostacolo quando la massima efficienza è della massima importanza. Tali interruzioni possono essere evitate con l’aiuto della tecnologia. Il gabinetto coinvolge i suoi membri in media per più di dieci ore al mese. Dove tanti sono obbligati a incontrarsi per parlare da vicino, il rischio di contagio è alto.

Il Covid-19 ha chiaramente messo alla prova le democrazie occidentali, smascherando ancora di più i difetti strutturali che le caratterizzano già da tanto tempo. Il rischio reale, però, sta emergendo da questa crisi in uno stato di democrazia indebolita, dove i cittadini sono disposti a rinunciare a tutele specifiche per una maggiore sicurezza ed efficienza.

A questo proposito, il ruolo delle istituzioni di controllo – soprattutto dei parlamenti – è stato percepito più come un ostacolo che come un pilastro della democrazia. È proprio in circostanze eccezionali come queste che i parlamenti dovrebbero svolgere un ruolo fondamentale nel garantire i diritti dei cittadini. La tecnologia può fornire assistenza essenziale qui. Ovviamente le opportunità offerte dai nuovi mezzi di comunicazione presentano rischi come il furto di dati o la manomissione del voto, ma questi problemi possono sempre essere evitati con un sufficiente controllo.