ElleEenneLa webserie che spiega ai bambini come evitare le trappole della rete

Il prodotto, giocoso e leggero, insegna in modo intelligente il linguaggio e le insidie che si annidano sui social. Tra challenge, ricatti e le buone vecchie raccomandazioni

frame da Youtube

Ci si diverte, si gioca e soprattutto si impara a evitare le minacce della rete. È il senso della nuova webserie per bambini “elleEenne”, trasmessa su Youtube e prodotta da La casa rossa di proprietà di Francesca Verdini (la fidanzata di Matteo Salvini).

I protagonisti sono una coppia di amici, Luca Clobzich (elle) e Nathalia Gemmano (enne), che insieme affrontano avventure, accettano challenge in stile Tik Tok, imparano a fabbricare lo slime e nel frattempo – cosa fondamentale – snocciolano consigli e raccomandazioni ai bambini. Alcune evergreen come «Non aprire la porta a chi non conosci», altre più al passo con i tempi come «Non rispondere agli sconosciuti che chiamano al telefono» e «Tenere sempre al corrente i genitori di ciò che si fa in rete e sui social network».

La produzione è pensata per la fascia d’età che va dai 5 ai 10 anni, forse quella più a rischio di fronte ai pericoli che provengono dal web, proprio quelli di fronte ai quali i genitori si trovano spesso impreparati.

Non ha toni didattici (tutt’altro) e non ci sono allarmismi. Al contrario, è tutto un grande e lungo gioco, fatto di prove da superare e sfide da accettare.

Al misterioso ritrovamento di un forziere nel giardino, seguono i tentativi di entrare in possesso delle chiavi per aprirne i lucchetti (appaiono per magia) e le strane comunicazioni con lo Scienziato, il cattivo della serie, che progetta di rubare tutti i giocattoli del mondo (lo fermeranno?). Nelle prime puntate, pur di rientrare in possesso del forziere, arriva perfino a rapire il loro pupazzo preferito, Fluffy. E a ricattarli.

I pericoli della rete sono ridotti a portata di bambino, e vengono calati in un’atmosfera casalinga e giocosa per trasmettere comunque tranquillità. È il modo migliore per imparare ad affrontare il web e assorbirne il linguaggio (la challenge, ormai, è vocabolo ineluttabile), evitando insidie e rischi.

La lezione è semplice: è bene giocare ed è consentito accettare sfide, ma solo quelle che siano divertenti e non pericolose. Occhio ai cattivi – ci sono – come lo Scienziato.

Come controllo, i testi sono stati supervisionati e approvati da psicologi, educatori ed esperti del web. La serie, sostenuta da Giochi Preziosi, è stata girata da Niccolò Gentili, con autori Luca Bellesi e Fabrizio Rossi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia