Corsa in anticipoNon siamo ancora andati su Marte ma una serie ci dice come farlo

In “For All Mankind” (Apple Tv+) si immagina una storia alternativa in cui i russi battono gli americani nella conquista della Luna. Gli Stati Uniti reagiscono e accelerano il programma spaziale, mandando il primo avamposto sul satellite già nel 1983. L’obiettivo finale però è attuale e riguarda il Pianeta rosso

NASA via AP

Un piccolo passo per un uomo, un grande passo «per il marxismo-leninismo». Per fortuna, non è andata così. Ma poche variabili hanno impedito che la storia prendesse un’altra piega e la corsa allo spazio, con il trofeo simbolico dell’allunaggio, venisse vinta dall’Unione Sovietica.

Come sarebbe andata? La risposta (o meglio: una delle milioni possibili) la dà la serie tv “For All Mankind” (si vede su Apple TV), creata dallo sceneggiatore Ronald D. Moore, che immagina – dopo anni di verità alternative – una storia alternativa. I russi anticipano la missione americana, la Luna viene conquistata e il programma inaugurato dal presidente Kennedy sembra vacillare (anzi fallire) sotto Nixon.

Secondo Moore, che si è divertito a creare un effetto domino dettagliatissimo, l’America avrebbe reagito accelerando i tempi e, soprattutto, alzando la posta. Ai russi che inviano la prima missione di cosmonaute (nella realtà la prima astronauta a toccare la Luna, se tutto va come previsto, arriverà nel 2024) la Nasa risponde reclutando per la prima volta donne e minoranze, aumentando gli investimenti nei programmi di ricerca spaziale e spingendo l’acceleratore sull’innovazione tecnologica.

Risultato numero uno: arrivano a pioggia (e in grande anticipo) invenzioni come telefoni cellulari, email e auto elettriche. Il primo sbarco su Marte, senza equipaggio, avviene nel 1975. Risultato numero due: si dà il via alla colonizzazione della Luna, impiantando Jamestown, una base stabile abitata dagli astronauti che si allarga nella seconda stagione, disponibile da poco (ogni venerdì esce una puntata).

C’è anche un risultato numero tre, e sono le ricadute sul resto del mondo, che vengono indagate in modo minuzioso. Ronald Reagan diventa presidente nel 1976. John Lennon sopravvive. Gli Stati Uniti mantengono il controllo di Panama (fondamentale per il suo programma spaziale).

Il tutto viene raccontato attraverso le frizioni, i conflitti e le difficoltà degli astronauti dell’esercito, protagonisti, con le loro ambizioni e personalità, di un progetto complesso e ambizioso.

In questa serie «ho voluto mettere un po’ dei miei sogni da bambino», spiega Moore a Le Figaro. «Ma nella realtà, dopo gli anni ’60, il programma spaziale ha cominciato a ricevere sempre meno finanziamenti» C’erano altri problemi da affrontare, certo. Ma rimangono due dubbi.

Il primo è che l’ucronia di “For All Mankind” abbia tratti più utopici che distopici. Quello che racconta non è altro che un progresso anticipato, sia tecnologico che sociale, in cui si dà comunque per scontato che alla fine – per cultura e determinazione – vincano comunque gli Stati Uniti. Non sarebbe stato meglio così?

Il secondo è che la coincidenza dell’uscita della seconda stagione con l’arrivo su Marte del rover Perseverance (nome che simboleggia, del resto, tutto il senso della serie) sia un caso fino a un certo punto.

I progetti per la colonizzazione del pianeta rosso, che procedono con la giusta prudenza della scienza, hanno già chiamato in causa l’idea di una nuova corsa allo spazio. E la celebrazione del passato, anche se mediata dallo schermo della storia alternativa, altro non fa che ricostruire la stessa atmosfera. Quella di un’umanità che sceglie, per vocazione, natura e interesse, di aprire nuovi orizzonti fuori dalla Terra.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionOrdina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione da lunedì 17 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia