Questione di FideszViktor Orbán ha annunciato l’uscita del suo partito dal Ppe

Gli 11 eurodeputati sovranisti magiari lasciano ufficialmente il gruppo del Partito popolare europeo perché, dice il presidente ungherese nella lettera inviata a Manfred Weber, «le modifiche alle regole del gruppo sono chiaramente una mossa ostile contro i nostri elettori»

AP/Lapresse

Fidesz, il partito di Viktor Orbán, lascia ufficialmente il gruppo parlamentare del Partito popolare europeo, il più grande partito di centrodestra a Bruxelles. Lo ha annunciato lo stesso presidente ungherese con una lettera inviata al leader del partito Manfred Weber.

La decisione di ritirare gli 11 europarlamentari è la conseguenza di una misura appena approvata dal gruppo parlamentare, un provvedimento che rende più semplici le espulsioni delle delegazioni nazionali. «Le modifiche al regolamento del Partito popolare europeo sono chiaramente una mossa ostile contro Fidesz e i nostri elettori. Gli eurodeputati di Fidesz si dimetteranno», ha scritto Orbán, rispettando di fatto quanto aveva promesso in caso di approvazione delle nuove misure.

Resta da capire cosa faranno adesso i rappresentanti di Fidesz. C’è l’ipotesi di un ingresso nel gruppo dei Conservatori, quello presieduto da Giorgia Meloni e del partito di estrema destra polacco Diritto e Giustizia.