Questione di FideszViktor Orbán ha annunciato l’uscita del suo partito dal Ppe

Gli 11 eurodeputati sovranisti magiari lasciano ufficialmente il gruppo del Partito popolare europeo perché, dice il presidente ungherese nella lettera inviata a Manfred Weber, «le modifiche alle regole del gruppo sono chiaramente una mossa ostile contro i nostri elettori»

AP/Lapresse

Fidesz, il partito di Viktor Orbán, lascia ufficialmente il gruppo parlamentare del Partito popolare europeo, il più grande partito di centrodestra a Bruxelles. Lo ha annunciato lo stesso presidente ungherese con una lettera inviata al leader del partito Manfred Weber.

La decisione di ritirare gli 11 europarlamentari è la conseguenza di una misura appena approvata dal gruppo parlamentare, un provvedimento che rende più semplici le espulsioni delle delegazioni nazionali. «Le modifiche al regolamento del Partito popolare europeo sono chiaramente una mossa ostile contro Fidesz e i nostri elettori. Gli eurodeputati di Fidesz si dimetteranno», ha scritto Orbán, rispettando di fatto quanto aveva promesso in caso di approvazione delle nuove misure.

Resta da capire cosa faranno adesso i rappresentanti di Fidesz. C’è l’ipotesi di un ingresso nel gruppo dei Conservatori, quello presieduto da Giorgia Meloni e del partito di estrema destra polacco Diritto e Giustizia.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia