Si può fare di piùPerché il mercato europeo delle emissioni di CO2 non convince

Tra il 2021 e il 2030, l’industria europea riceverà circa 6,5 ​​miliardi di quote assegnate gratuitamente, per un valore di quasi 200 miliardi di euro. Ma rappresenta un guadagno scontato che potrebbe essere generato attraverso la vendita all’asta per poi essere riciclato verso misure di azione per il clima

Unsplash

Originariamente pubblicato su European Data Journalism Network

Immaginato per la prima volta alla fine degli anni ‘90, l’Ets (European Union’s Trading System, Mercato europeo delle Emissioni di anidride carbonica) è nato da un lungo dibattito sull’introduzione di una tassa sulle emissioni di carbonio. L’idea era di attribuire un prezzo ad ogni singola emissione, secondo la logica di “chi emette paga”.

L’obiettivo è costringere le strutture inquinanti – oggi circa 11.000 – a decarbonizzare. Si tratta per lo più di grandi impianti nel settore energetico e nelle industrie pesanti (come raffinerie, cementifici, acciaio, alluminio e prodotti chimici) in tutti gli Stati membri, Norvegia, Islanda e Liechtenstein. E anche nel Regno Unito era coperto, fino alla Brexit.

Da quando ETS è stato implementato nel 2005, tuttavia, ci sono già state quattro fasi con diverse legislazioni e strumenti. In particolare, troppe quote di emissioni europee (EUA) sono state create durante la seconda fase da un’assegnazione gratuita molto generosa dopo la crisi economica del 2008, che presto è diventata molto problematica.

«Non solo i produttori di acciaio ne ricevevano alcune gratuitamente, ma in tale quantità da poterle rivendere», spiega Wijnand Stoefs, responsabile delle politiche che si occupa di Eu ETS, spedizioni internazionali e rimozione di anidride carbonica presso Carbon Market Watch.

Quando sono state create più di 1 miliardo di quote, il prezzo è sceso sotto i 5 euro per tonnellata di CO2. Questo ha fatto raggiugere presto 2 miliardi di tonnellate nel 2019-20, il che significa che la quantità di quote in eccesso disponibili nel sistema è stata maggiore delle emissioni di tutte le installazioni durante un anno intero: «Ce n’erano troppe, l’offerta era troppo grande».

Alcuni trucchi contabili per creare scarsità hanno aiutato, come la riserva di stabilità del mercato (MSR) che aspira attivamente le quote dal sistema. «Ogni anno la Commissione europea calcola quante quote sono nel sistema, quante sono state vendute o date gratuitamente per l’intera esistenza di ETS e quante sono state restituite», dice Stoefs.

«Quella fonte di eccesso di offerta è stata eliminata e un problema è stato risolto, ma al momento stiamo ancora affrontando l’effetto storico di ciò». L’eccesso di offerta ha fatto sì che il tetto annuale rimanesse troppo alto per anni. «Al momento non diminuisce molto velocemente, fino a quest’anno è diminuito dell’1,7%, ma da quest’anno diminuirà del 2%. Se continuiamo a lavorare come al solito, questo ci costerà in futuro».

Dove finiscono i soldi? I Paesi stanno ricevendo entrate dalla vendita all’asta delle quote ETS al settore energetico; i settori industriali continueranno a ricevere gratuitamente la maggior parte delle loro quote.

«In un mondo ideale, tutte le quote sarebbero messe all’asta, confluirebbero in un mercato e le società le acquisterebbero dalle autorità di regolamentazione, quindi per ogni tonnellata di inquinamento da queste società in Europa si otterrebbe un prezzo allegato. Ma quello che succede alle entrate è complesso. La stragrande maggioranza va agli Stati membri, a seconda delle loro dimensioni e delle emissioni storiche».

Ad esempio, la Germania ottiene una quota molto ampia dei ricavi perché c’era molta industria tedesca. Anche se si è decarbonizzata, quella percentuale rimane la stessa «e questa è una lotta in corso all’interno del Consiglio dell’Unione».

Una direttiva dell’Unione determina il funzionamento dell’ETS. «Stabilisce che i Paesi dovrebbero utilizzare il 50% delle quote a fini climatici ed energetici. L’idea è far pagare i grandi inquinatori e utilizzare quei soldi per aiutare la decarbonizzazione».

Succede in Francia, dove il denaro viene utilizzato per progetti di ristrutturazione. Il Belgio, al contrario, è molto negativo in questo: «Miliardi di sussidi ETS sono stati distribuiti a grandi industrie inquinanti, mentre le loro emissioni di CO2 non sono diminuite». Alcuni Paesi non lo utilizzano affatto per scopi climatici.

In generale «non è una bella immagine», dice Stoefs. «Spesso i soldi vanno solo al bilancio generale, il che è un peccato in un momento in cui mancano i fondi per il clima».

Secondo le regole attuali, tra il 2021 e il 2030, l’industria europea riceverà circa 6,5 ​​miliardi di quote di emissioni assegnate gratuitamente, per un valore di quasi 200 miliardi di euro (con un prezzo medio della CO2 di 30 euro / tonnellata). «Questo rappresenta un guadagno scontato che potrebbe invece essere generato attraverso la vendita all’asta ed essere riciclato verso misure di azione per il clima tanto necessarie».

La principale richiesta di Carbon Market Watch è di sbarazzarsi delle allocazioni gratuite. «Dovremmo renderlo uno strumento più ambizioso e assicurarci che chi inquina paghi davvero», afferma Stoefs. «Facendo diminuire il limite più velocemente ogni anno».

«Sicuramente non dovremmo dare a queste aziende il potere di decidere una politica ambientale e alla fine l’ECT ​​lo sta facendo. L’Unione dovrebbe abbandonare l’ECT, non c’è alcuna logica dietro. Se hai costruito una centrale a carbone 10 anni fa, non puoi fingere di non sapere che il cambiamento climatico stava avvenendo».