Prezzi alle stelleLa carenza di chip sta mettendo in crisi il settore del noleggio auto

I costi per affittare un’automobile sono molto alti perché la mancanza di semiconduttori ha bloccato la filiera della produzione automotive. Caroline Parot, amministratrice delegata di Europecar, l’ha detto in modo chiaro: «Non possiamo servire tutti i clienti perché non ci sono abbastanza mezzi»

unsplash

I costi per noleggiare un’automobile rimarranno alti fino a quando non si troverà una soluzione alla carenza di semiconduttori. A lanciale l’allarme è il capo di Europcar, Caroline Parot, amministratrice delegata della più grande società di noleggio auto quotata in Europa.

Parot, si legge sul Financial Times, ha affermato che i prezzi sono aumentati perché i fornitori non sono stati in grado di procurarsi veicoli sufficienti per soddisfare la domanda dei vacanzieri. «Le tariffe sono due o tre volte superiori al normale in molte località, secondo i gruppi di consumatori e i siti di confronto dei prezzi. E i maggiori costi di noleggio auto hanno contribuito a portare l’inflazione statunitense al livello più alto dal 2008» si legge nell’articolo.

Il blocco delle forniture ha creato quindi un cortocircuito del sistema noleggio, che adesso dovrà correre ai ripari. «Non possiamo servire tutti i clienti perché non ci sono abbastanza auto», ha detto Parot al Financial Times. La crisi dei chip ha portato anche a una grave carenza di nuovi veicoli, con le case automobilistiche che danno priorità alle vendite al dettaglio e ad altri canali prima di fornire ile società che si occupano di noleggio (che tendono ad acquistare all’ingrosso a prezzi inferiori).

«Le persone hanno voglia di viaggiare. Negli Stati Uniti ci sono abbastanza hotel e abbastanza voli, ma la capacità delle auto è cambiata» sottolinea Parot. Il numero uno di Europcar ha avvertito che il settore degli affitti è stato ulteriormente ostacolato dalla confusione dei governi in merito ai possibili luoghi dove poter andare in viaggio, e dai cambiamenti improvvisi e inaspettati delle regole.

«Ogni volta che si sblocca una nuova meta le prenotazioni esplodono e siamo pieni in 24 ore, ma poi se cambiano le norme spariscono tutti», ha detto Parot. «Il coordinamento tra le nazioni è probabilmente ciò che manca di più. Ogni governo sta reagendo in modo diverso», ha aggiunto.

Inoltre per l’industria automobilistica non è chiaro ancora quando finirà la crisi dei chip. Parot ha affermato che solo dalla Pasqua del prossimo anno la situazione sarà «più gestibile». Anche se la società non prevede di raggiungere i livelli di domanda pre-pandemia fino alla ripresa dei viaggi tra Europa, Stati Uniti e Asia, previsti per il 2023.

L’anno scorso Europcar ha subito un calo della domanda del 45%, il che significa che più della metà della sua attività tipica è rimasta operativa, poiché le persone nelle città si sono rivolte alle auto a noleggio durante la pandemia. All’inizio di quest’anno, la società ha completato una ristrutturazione finanziaria che ha cancellato 1 miliardo di euro di debiti, ma ha messo gran parte del business nelle mani dei suoi finanziatori.

I ricavi di quest’anno saranno superiori ai livelli del 2020, ma non vicini a quelli del 2019 a causa dell’impatto della variante Delta, ha affermato Parot. Il gruppo ha iniziato ad acquistare auto da concessionarie e altri canali, oltre ai tradizionali ordini dei produttori, per cercare di colmare le lacune nella propria rete. Tuttavia, anche per una frenata del sistema produttivo in senso lato del settore automotive, il prezzo delle auto usate ha superato quello dei nuovi veicoli in alcuni segmenti.

«Il mese scorso, il gruppo ha rifiutato un’offerta di acquisto di 2,2 miliardi di euro da Volkswagen. Perché Parot ha affermato che essere di proprietà di una casa automobilistica non renderebbe necessariamente più facile reperire veicoli durante l’attuale crisi. Ha rifiutato di commentare ulteriormente l’offerta di acquisizione», scrive il Financial.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter