Stop al televotoSi comincia a vedere che Rai ha in mente Carlo Fuortes (ed è un bel vedere)

Il nuovo amministratore delegato scelto da Draghi sembra la persona giusta per riformare l’azienda meno riformabile del Paese

Unsplash

Piccoli ma significativi indizi del metodo Fuortes in Rai. Il nuovo amministratore delegato scelto da Mario Draghi a quanto pare ha in animo di usare il machete contro certe abitudini consolidate, certi privilegi delle “star” di Saxa Rubra, quegli “intoccabili” che fanno spesso come gli pare.

E dunque, Carlo Fuortes ha inviato una circolare interna in vista del periodo elettorale di settembre per le amministrative del 3 e 4 ottobre: «Con riferimento alle consultazioni elettorali in oggetto nonché alla normativa in materia di c.d. “Par condicio”, si comunica la temporanea sospensione della possibilità di partecipazione del personale Rai (giornalistico e non) a trasmissioni televisive o radiofoniche di Emittenti concorrenti per tutto il periodo di vigenza della normativa sopra richiamata».

La direttiva di Fuortes in sostanza inibisce a tutti i dipendenti Rai di apparire sulle reti Mediaset, Sky, La7 e tutte le altre «emittenti concorrenti» in un momento politicamente caldo come quello delle elezioni amministrative: il che significa che i big dell’informazione del servizio pubblico dovranno evitare comparsate come quelle alle quali alcuni di loro ci hanno abituato.

Ognuno stia al suo posto. È un messaggio chiaro, per fare solo degli esempi, al direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano, spesso “opinionista” su Mediaset e La7, o Bianca Berlinguer, volto stranoto della Terza Rete che andò a lamentarsi del mancato rinnovo del contratto di Mauro Corona negli studi della tv di Urbano Cairo.

Il senso e il tono perentorio della circolare-Fuortes probabilmente è solo un antipasto di una “dieta” cui i volti noti dell’azienda dovranno attenersi anche in futuro, fatto salvo ovviamente il diritto individuale di accettare l’invito da parte di altre emittenti: ma non può sfuggire la raccomandazione – anzi, l’obbligo – a evitare di prestare il fianco ad ogni possibile utilizzo politico delle professionalità della Rai.

Il nuovo amministratore delegato insomma ha iniziato da qui la sua battaglia per serrare i ranghi ed evitare “abusi” nell’esternazione di opinioni politiche su altre reti.

Chi vuole capire capisca: nell’éra Fuortes l’aria cambia. Sulla scia del metodo-Draghi. D’altronde fu capace di cambiare l’aria quando, alla direzione dell’Auditorium di Roma e del Teatro dell’Opera, non si fece problemi a disboscare persistenti privilegi e a rovesciare quell’istituzione come un calzino, con i risultati brillanti che gli furono riconosciuti da tutti.

D’altronde, insieme alla presidente Marinella Soldi, è stato chiaro fin dalla lettera inviata a tutti i dipendenti dopo l’insediamento: «La Rai svolge un ruolo primario nella costruzione della coesione e inclusione sociale e ha bisogno di avere il coraggio e le energie positive per innovare e sperimentare».

Dopo di che non si è fatto problemi a mettere la mano su Rai Sport tagliando il budget e non confermando il vicedirettore Enrico Varriale, molto impegnato sui social a battagliare da ultrà del Napoli, e per questo criticato dentro e fuori l’azienda. E se il buongiorno si vede dal mattino, nessuno può escludere novità negli assetti delle redazioni giornalistiche e delle reti. Ce la farà, il manager romano, a fare un po’ di pulizia nell’azienda meno riformabile del Paese? Si vedrà alla fine. Ma intanto qualcosa sta già cambiando.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club