Europei milanesiChe cosa propongono i riformisti di Alleanza Civica del Nord

È nei comuni settentrionali che si sperimenteranno nel dopo pandemia le soluzioni produttive e di riorganizzazione della vita nelle città che ci porteranno fuori dal tunnel della pandemia. L'apporto di Acn al dibattito sulla nuova Milano

Pixabay

Alleanza Civica del Nord (Acn) aveva, per prima, in occasione del suo Non Congresso e sulle colonne de Linkiesta, lanciato la proposta di unità dei riformisti tradottasi a Milano nella lista I Riformisti (Azione, Italia Viva, Base e altre associazioni) con Beppe Sala sindaco e, con analoghe adesioni, a Savona e nei comuni del Lecchese dove si vota, a partire dalla condivisione dell’importanza strategica, senza se e senza ma, dell’Unione europea a difesa degli interessi nazionali. Principio condiviso anche da molte liste civiche, sostenute da Acn, a Torino, Bologna e in diversi altri comuni del Nord Ovest.

Un imprinting che viene da lontano, che non è dovuto solo ai cambiamenti culturali e politici in atto nelle istituzioni dell’Unione Europea, a partire dagli ingenti fondi messi a disposizione con Next Generation Ue che possono ridisegnare le condizioni di vita e di lavoro di decine di milioni di persone nei prossimi decenni. I promotori e i sostenitori di Acn, infatti, ancor prima dei cambiamenti innescati da Covid-19, si sentivano, e si sentono, non solo europeisti ma cittadini europei a pieno titolo e guardavano, e continuano a guardare, con estremo interesse alle proposte di una politica internazionale e di una difesa comune europea, che, in queste settimane, a seguito della crisi in Afghanistan, stanno animando un’accelerazione del dibattito politico nei diversi paesi europei. Proposte che, nel momento della loro concretizzazione, trasferiranno altri poteri fondativi dello stato nazionale a livello comunitario, dopo quelli legislativi e della moneta.

Proprio perché radicalmente riformista, Alleanza Civica del Nord si interroga sulla nuova infrastruttura istituzionale necessaria a governare funzioni e territori a fronte dell’indebolimento progressivo dello stato nazionale, oltre che dei cambiamenti tecnologici e delle innovazioni socio-economiche in atto.

Nella convinzione che i problemi vadano gestiti nella dimensione in cui si manifestano con autonomia decisionale e di risorse, Acn, al riguardo, ha definito la propria identità a partire da un’idea di riorganizzazione federalista dell’Italia, fortemente inserita in un contesto di sovranismo europeo. Una riorganizzazione in grado di valorizzare le competenze, il lavoro, l’imprenditorialità e la responsabilità civile e sociale del Nord.

È nei comuni, nelle conurbazioni, nelle filiere produttive del Nord, infatti – stante la sua diversa e maggior complessità economica e sociale – che si sperimenteranno nel dopo pandemia le soluzioni produttive, di riorganizzazione della vita nelle città e nei territori, che ci porteranno fuori dal tunnel e oltre l’eccezionale situazione creata dalla pandemia.

Anche per questo, Acn ha messo al primo posto, tra i suoi principi fondativi, il termine «Autonomia», assieme a «Competenza» e «Semplificazione», e non certo per una priorità alfabetica ma come questione essenziale della sua identità cultural-politica. Ciò significa, anche, la ricerca di alleanze con forze sociali e soggetti politici che sono fuori dal perimetro cosiddetto progressista, ma che ne condividono valori e programmi. È recente, ad esempio, l’accordo politico con la Rete 22 Ottobre per l’Autonomia, che ha tra i suoi esponenti l’ex ministro leghista Giancarlo Pagliarini, a partire dalle prossime elezioni comunali di Milano.

Pur riservando una particolare attenzione al dibattito sulle ragioni del Nord animato da esponenti del PD, tra cui Giorgio Gori, sindaco di Bergamo e Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna, è giusto non ignorare le condivisibili prese di posizione di singoli esponenti di centrodestra su antifascismo, federalismo ed europeismo.

A Milano, anche se ancora dentro i vecchi assetti istituzionali, finanziari e normativi, si dovranno: affrontare i complessi problemi della riorganizzazione del lavoro, dell’istruzione e della formazione professionale in presenza e a distanza; sperimentare originali e innovative modalità dell’organizzazione della medicina territoriale; organizzare una mobilità ancor più efficiente e sostenibile, sostenerne la vitalità culturale e creativa. Lo si dovrà fare, con la consapevolezza che le soluzioni non sono tutte attuabili e governabili solamente dentro le “mura” della vecchia cinta daziaria, ma occorreranno fantasia e forzature per andare efficacemente oltre.

Alleanza Civica del Nord, al riguardo, non mancherà di portare il proprio contributo.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter