Il fare che nasce dal sapereTreccani passa dalle parole di carta alla formazione in aula

L’Enciclopedia Italiana più celebre si mette al servizio di neolaureati, manager e professionisti con una nuova area accademica, grazie all’acquisizione di Giunti Academy School of Management

La Conoscenza di Mimmo Paladino

Investire nella specializzazione e nell’aggiornamento di nuove competenze attraverso una scuola di alta formazione agevola l’accesso al mondo del lavoro. Secondo il Report 2020 di AlmaLaurea, infatti, il tasso di occupazione dei diplomati di master arriva all’88,6%. Non a caso, il panorama italiano dell’alta formazione offre sempre più scelte tra corsi post laurea full time e part time e l’uso di metodologie didattiche innovative. 

Tra questi, da settembre 2021 si è affacciata al mondo dell’educazione la Treccani Accademia, la business school di Treccani nata in seguito all’acquisizione da parte di Treccani del 100% di Giunti Academy School of Management. La società, fondata nel 2019 dalla storica casa editrice fiorentina Giunti Editore, aveva cambiato nome in Giunti e Treccani Academy dopo un primo processo di acquisizione dell’Istituto della Enciclopedia Italiana, che nel 2020 ne aveva già acquistato il 50%. Una scuola di alta formazione con un background di rilievo e un’offerta didattica prestigiosa, che Treccani implementa e diversifica mettendo il proprio know-how al servizio di una didattica di eccellenza e impiegando il proprio patrimonio culturale ed editoriale nella formazione. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Treccani Accademia (@treccaniaccademia)

L’accademia si rivolge a neolaureati, manager e professionisti in diversi settori: gestione d’impresa, arte e beni culturali, sanità, enogastronomia e turismo, economia, diritto e risorse umane. Attualmente i corsi post laurea full time sono due: il Master in management dell’Arte e dei beni culturali e il Master in management delle risorse umane. Mentre, nell’ambito della formazione executive dedicata a professionisti e appassionati, la Treccani Accademia propone diversi corsi che combinano didattica in presenza e in streaming, tra questi Restaurant Innovation & Management, Economia e Management delle imprese culturali, Hospitality & Wine experience e Neuroriabilitazione di alta specialità, per citarne alcuni. 

La Direzione Scientifica delle aree ospitalità ed enogastronomia è di Federico De Cesare Viola, firma autorevole nel settore e docente di grande esperienza nell’hotellerie e nella ristorazione.
È anche direttore di Food&Wine Italia, che per il progetto mette a disposizione due borse di studio totali per due Master in partenza a novembre.

Al termine del percorso formativo sono previsti stage presso un’azienda facente parte del settore relativo agli studi svolti, che offre agli studenti gli strumenti e le competenze utili per affrontare il lavoro sul campo. Ad oggi, sono molte le aziende che hanno messo a disposizione il proprio know-how ospitando gli studenti Treccani Accademia in stage: tra queste, Fondazione Cariplo, Gallerie degli Uffizi, Museo autonomo complesso della Reggia di Caserta, Fondazione Pastificio Cerere, Luigi Lavazza Spa, Fercam Spa, Tempi Moderni, Giunti Editore e Treccani Reti.