Caro vitaL’emergenza inflazione nel futuro ancora incerto degli italiani

Quali saranno i comportamenti dei nostri connazionali nel 2022, sospesi tra la voglia di cambiamento – con al primo posto la sostenibilità e la fiducia nella tecnologia – e l’incertezza determinata dalla ripresa dell’inflazione, anche della spesa alimentare? Rispondono due studi di Coop

Sponsorizzato daTendenze online
Unsplash

In bilico sul bordo del trampolino, pronti al grande salto verso il nuovo futuro a cui la pandemia sembra aver dato inizio, ma allo stesso tempo su quello stesso trampolino ancora trattenuti dalle incognite del momento. È l’istantanea degli italiani che si affacciano al 2022 scattata dalle due survey dell’Ufficio Studi Coop condotte a dicembre 2021:

  1. La prima, “2022, Coming Soon – Consumer”, svolta in collaborazione con Nomisma su un campione rappresentativo della popolazione italiana.
  2. La seconda “2022, Coming Soon – Manager” sulla community di esperti del sito italiani.coop.

Le parole e la lista dei desideri
Le parole da accostare ai prossimi 12 mesi sono le stesse dell’anno appena trascorso: speranza (la indica il 32% del campione consumer), ripresa (16%), cambiamento (15%). Ma nel 2022 è soprattutto il timore a crescere, più che raddoppiando dal 3% al 7% rispetto allo scorso anno. Con la generazione Z (i nati fra il 1997 e il 2012) che più di tutte vive la contraddizione del momento, si trova infatti in quel segmento del campione la media più alta di coloro che scelgono la parola timore (9%) e allo stesso tempo la percentuale più evidente di chi spera nel cambiamento (19%). A preoccupare maggiormente secondo il 47% dei manager intervistati è soprattutto l’instabilità politica (con gli effetti sui possibili ritardi del Pnrr) e la crescita dei prezzi, stimata dal nostro panel al 2,9%.

Continua a leggere su Tendenze Online