Passo dopo passoLa riconquista di Klishchiivka e l’avanzamento della controffensiva ucraina

Le forze di Kyjiv hanno ripreso il controllo del piccolo centro nei pressi di Bakhmut, in un’area cruciale del conflitto in questa fase

AP/Lapresse

«Oggi vorrei elogiare in modo particolare i soldati che, passo dopo passo, stanno restituendo all’Ucraina ciò che le appartiene, vale a dire nella zona di Bakhmut», ha detto Volodymyr Zelensky nel suo video discorso di domenica notte. Il presidente ucraino ha elogiato i soldati che combattevano vicino a Bakhmut e ha individuato coloro che avevano ripreso Klishchiivka.

C’è grande soddisfazione per un successo militare tatticamente molto importante. Il piccolo centro di Klishchiivka, circa nove chilometri a sud di Bakhmut, è una conquista importante per la controffensiva ucraina: questa vittoria militare consentirà alle forze ucraine di avanzare più facilmente verso le forze russe e di sferrare attacchi di artiglieria più precisi. Il villaggio di Klishchiivka si trova diversi chilometri a nord di Andriivka, che è stata riconquistata all’inizio di questa settimana. Entrambi gli insediamenti erano stati sostanzialmente distrutti nei mesi di combattimento per Bakhmut.

La Russia aveva rivendicato il controllo di Klishchiivka a gennaio dopo mesi di combattimenti. Ilia Yevlash, portavoce delle truppe ucraine nell’est, ha detto che la battaglia ha causato «grandi danni» alle unità aviotrasportate russe, al battaglione “Akhmat” del leader ceceno Ramzan Kadyrov, all’unità Storm-Z composta da criminali russi e altre unità importanti dell’esercito russo.

Il viceministro della Difesa, Hanna Maliar, ha condiviso un video delle forze ucraine tra gli edifici in rovina e il suono dei combattimenti in sottofondo. La Russia sta ancora cercando disperatamente di riconquistare le posizioni perse nonostante la liberazione di Klishchiivka. «Oggi abbiamo dovuto respingere gli attacchi nemici tutto il giorno», ha scritto sul Telegram.

Zelensky ha aggiunto nel suo messaggio che Kyjiv sta «preparando nuove soluzioni di difesa per l’Ucraina», aggiungendo che «la difesa aerea e l’artiglieria sono la nostra priorità».

Le vittorie militari sono particolarmente importanti per l’Ucraina, anche psicologicamente, dopo una settimana in cui si è parlato a lungo di quanto sia improbabile una soluzione rapida al conflitto.

mentre Zelensky prepara la sua seconda visita in tempo di guerra a Washington questa settimana nel tentativo di raccogliere il sostegno internazionale.

Ma i progressi sono arrivati quando due importanti personalità occidentali hanno messo in guardia contro le speranze di una rapida fine del conflitto.

Il Guardian riposta le parole dell’ufficiale militare di più alto grado degli Stati Uniti, il generale Mark Milley: «L’obiettivo dell’Ucraina di cacciare le forze russe dal suo territorio hanno un livello di complessità elevatissimo. Ci vorrà molto tempo per espellere militarmente tutte le duecentomila o più truppe russe fuori dalle zone ucraine occupate dai russi». Anche il capo della Nato, Jens Stoltenberg, parlando all’emittente tedesca Funke aveva avvertito che il conflitto non avrà una fine rapida. «La maggior parte delle guerre durano più a lungo del previsto quando iniziano».

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter